vettel

F1, testa già al Mondiale: l’anno buono per Vettel?

Dopo la quarta meraviglia di Lewis Hamilton, che si è laureato Campione del Mondo di Formula 1 nel 2018 sulla Mercedes, manca poco meno di due mesi per l’inizio della nuova stagione. Sarà un campionato combattuto, perché molto probabilmente, oltre alla Mercedes e alla Ferrari, ripiomberà la Red Bull, con Max Verstappen, il quale, dopo aver “vinto” la battaglia contro il suo ex compagno di box Daniel Ricciardo, avrà tutta la scuderia dalla sua parte per dare battaglia ai piloti della scuderia tedesca e di quella di Maranello.

La Ferrari si presenta ai nastri di partenza con un nuovo team principal: via Maurizio Arrivabene, dopo la cocente delusione del campionato scorso, e dentro Mattia Binotto. Non è stato l’unico cambiamento a Maranello: già da qualche mese, Kimi Raikkonen era stato salutato dal ruolo di seconda guida e al suo posto era stato promosso Charles Leclerc. Il giovane monegasco, classe 1997, ha disputato un’ottima prima stagione in Sauber e si è meritato il passaggio in Ferrari, ma i fari saranno puntati, come ovvio che sia, su Sebastian Vettel.

Il tedesco sarà alla sua quinta stagione in Ferrari: cinque, come gli anni che ci vollero per vincere il titolo anche quando nell’abitacolo rosso c’era Michael Schumacher. L’annata finita da un paio di mesi sembrava essere quella giusta, ma nella seconda parte di stagione sono stati troppi gli errori sia da parte del tedesco che da parte della squadra. Ora avrà al suo fianco un giovane combattivo che non è detto si faccia sempre da parte e si comporti da ottima seconda guida: dovrà dimostrare di essere il più forte, perché l’auto ha grandi potenzialità.

Come al solito, il primo Gran Premio previsto dal calendario ufficiale della F1 è Albert Park, il 17 marzo. Sveglie puntate presto, dunque, perché i semafori si spegneranno alle 07:10 nella prima domenica dell’anno automobilistico. C’è da dire che, come sempre, la prima parte della stagione, che si tiene in Oriente (oltre all’Australia, anche Bahrain, Cina e Azerbaijan), non fa molto testo, perché molte volte i valori in campo si ribaltano nella finestra dedicata ai primi gran premi europei. Si parte il 12 maggio, con il classico Gran Premio della Catalogna, a Barcellona, per poi passare a Montecarlo il 26 Maggio. Il primo giro in America si avrà il 9 giugno, quando a Montreal ci sarà il Gran Premio del Canada, per poi tornare in Europa fino a settembre: due mesi intensi e decisivi, tra i quali ci saranno gli affascinanti Gran Premi della Germania e del Belgio. Si arriva, dunque, all’8 settembre, quando andrà in scena il Gran Premio di Monza, che quest’anno ha messo praticamente la pietra tombale sulle speranze di vittoria del campionato per la Ferrari.

Il campionato di Formula 1 finirà, poi, l’1 dicembre, quando a Yas Marina, Abu Dhabi, ci sarà l’incoronazione del campione.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email