grizzly2

Il globetrotter che tenta l’impresa: giro del mondo in meno di 100 giorni

Urs “Grizzly” Pedraita tenta l’impresa: vuole stabilire un nuovo record mondiale circumnavigando sei continenti in meno di 100 giorni. È partito l’11 Marzo da Daytona in sella alla sua Victory Cross Country Tour: attualmente è in sella da 25 giorni e 16.932 miglia. Ha programmato di percorrerne circa 62 mila. L’attuale record per un tale giro è di 120 giorni. Lui punta a finire in meno di 100. E per riuscire in questa impresa si è affidato alla forza della Victory Cross Country che è stata modificata da Motostyling Zurigo. Sebbene motore, telaio e ciclistica rimangano relativamente intatti, altre parti della moto sono state ridisegnate per soddisfare le esigenze di Grizzly di coprire lunghe distanze, anche in parti remote del mondo.

grizzly

Il giro del mondo di “Grizzly” Pedraita è partito da Daytona Beach, in Florida, e ha viaggiato per 3.971 miglia in sei giorni e 14 ore per completare la prima tappa della corsa, fino a Panama City. Ha poi proseguito verso sud: 6.269 miglia per nove giorni e 23 ore per raggiungere Ushuaia, in Argentina. Da lì, ha percorso 2.088 miglia fino a Santiago del Cile, caricato la sua moto su un aereo fino in Australia, dove ha trascorso sei giorni e cinque ore in sella, per un totale di 4.604 miglia verso ovest, attraverso il continente da Sydney a Perth.

grizzly4

Quindi Grizzly si è imbarcato su un volo fino a Città del Capo, Sud Africa, il 27 aprile, dove si trova attualmente in attesa dello sdoganamento. Da qui una lunghissima tappa di 6.503 miglia fino al Cairo in Egitto dove punterà la sua ruota anteriore verso Tunisi, dove lo attende un traghetto per portarlo in Europa attraverso il Mediterraneo. Il viaggio prosegue verso nord, attraversando l’Europa, poi a est in Asia. Arrivato a Singapore caricherà la sua moto su un aereo diretto ad Anchorage, Alaska, prima di riprendere il suo tour in Nord America per tornare infine, a Daytona Beach. “Siamo entusiasti dei progressi di Grizzly finora -ha detto Alex Hultgren, direttore marketing di Victory -. In definitiva, si tratta di una gara di durata che bilancia la nostra ben nota affidabilità con l’idoneità fisica e mentale di Grizzly. Siamo ansiosi di monitorare Grizzly attraverso la prossima fase del suo viaggio”.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email