alessiapolita2

A tre anni dal tragico incidente, Alessia lotta ancora: “Noi ci proviamo ancora”

La sfida di Alessia Polita continua. Ogni giorno per spingere oltre il limite. La sua vita è cambiata nel giugno del 2013 a Misano Adriatico. Alessia era una pilota di moto tra le più capaci e in più occasioni era riuscita a mettersi alle spalle i maschietti. Poi quell’incidente che le toglie l’uso delle gambe e il suo destino che si infrange sulle protezioni del circuito romagnolo. Alessia ha superato il momento psicologicamente più brutto della sua vita, quel botto tremendo che, però, non le ha tolto la voglia di lottare. “2 anni fa di oggi alle mie gambe erano rimaste solo 9 ore di cammino” scriveva sul suo profilo Facebook l’anno scorso nel secondo anniversario del giorno più nero. “Solo 9 ore ancora per sognare!!! Perché se ci pensi ti rendi conto che non riesci a non farti domande interminabili dandoti le risposte più assurde!!!! Ognuno abbiamo la nostra data da ricordare… Ognuno di noi ha il nostro 15 giugno, chi più grave e chi meno. Nella vita si può morire… Ma si può anche rinascere e il risveglio non sarà sempre come noi vorremmo”.

alessiapolita

E in questi giorni che avvicinano alla Pasqua, Alessia ha scritto su Facebook: “Noi ci proviamo sempre… La volontà è infinita ma è il midollo che è andato in pensione!”. E ha accompagnato il posto con due scatti della sua riabilitazione, sempre con un sorriso sulle labbra e uno sguardo buttato al futuro, al di là del muro. Quello di Alessia Polita è un messaggio di speranza che racconta una lotta ancora dura ma pur sempre possibile. Un risveglio che racconta una storia, e una vita, larger than life.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email