valentino rossi

Rossi: nuovi test a Misano prima del trittico

Il nove volte iridato è tornato in sella ad una Yamaha R1. Valentino è sceso in pista giovedì per un allenamento durante il quale ha verificato, seppure in sella a una moto stradale, le sensazioni alla guida a solo un mese dalla frattura di tibia e perone della gamba destra. Una ripresa incredibile, fatta di lavoro e fisioterapia che ha permesso a Rossi di saltare una sola gara di arrivare quinto ad Aragon, prima competizione post-infortunio.

A meno di una settimana dal trittico Giappone, Australia e Malesia e con 56 punti di ritardo dalla vetta, per il Dottore le speranze di vincere il titolo sono ridotte quasi a zero ma, come spiegato anche da Rossi e confermato da chi da anni lavora con lui, la motivazione di rischiare un rientro lampo è andata ben oltre i calcoli del campionato.

L’obiettivo adesso è arrivare “a Motegì se non al cento per cento ma abbastanza in forma” da poter lottare per il podio. Nelle ultime tre stagioni Rossi ha chiuso nei primi tre almeno due delle tre gare del trittico mentre l’ultima vittoria rimane quella del 2014 a Phillip Island.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email