prezzibenzina

Caro benzina e diesel? Arrivano gli incentivi per la trasformazione a gpl e metano

Sono disponibili i fondi per gli incentivi alla trasformazione dei veicoli a Gpl e metano. È possibile prenotarsi sul sito del Consorzio Ecogas (www.ecogas.it). La campagna, sospesa dal 2012 per esaurimento dei fondi, è frutto di un Accordo di Programma tra il Ministero dell’Ambiente e una Convenzione tra Comuni, 674 per la precisione. I fondi disponibili, residuo di precedenti finanziamenti, ammontano a oltre 1 milione e 800mila euro e sono suddivisi fra tre interventi di incentivazione destinati alla trasformazione a Gpl e metano. Si stima che le conversioni a gas incentivate saranno circa 4.500. La procedura è semplice: gli automobilisti interessati devono rivolgersi a un’officina aderente all’iniziativa. Quest’ultima, dopo avere verificato la disponibilità dei fondi e ottenuto il codice di prenotazione attribuito a ciascun intervento (che garantisce l’accantonamento del fondo), comunica al beneficiario quando potrà installare sul suo veicolo l’impianto a GPL o a metano.

Il contributo, accantonato in ordine cronologico di ricevimento della domanda di prenotazione, viene detratto ed evidenziato in fattura sotto forma di sconto sul prezzo della trasformazione dall’officina, riferimento il listino prezzi massimi. Non è cumulabile con altre forme di agevolazione statali, se previsto può andare a sommarsi a iniziative locali o private. L’iniziativa di incentivazione sarà l’occasione per effettuare una sperimentazione sui mezzi dual-fuel, volta a dimostrare i benefici per l’ambiente della conversione a gas di veicoli diesel. L’ultimo rifinanziamento risale al 2005: 20 milioni di euro, di cui 15, pari al 75% del finanziamento, a incentivi per la conversione a metano o GPL di veicoli alimentati a benzina e 5, pari al 25%, al finanziamento di impianti di rifornimento a metano o GPL per flotte veicolari che effettuano servizi di pubblica utilità.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email