lightrider

Airbus sbarca nel mondo delle due ruote con la modo in 3D “Light Rider”

Il suo nome è “Light Rider” ed è il futuro mezzo di trasporto dei biker: elettrico, smart, leggero e soprattutto 3D. Si tratta del primo esemplare della storia ideato su computer e costruito con polimeri simili al titanio: l’idea è dell’Airbus, il gruppo europeo specializzato nella costruzione di aerei. Le tecnologie più avanzate utilizzate negli ultimi anni per assemblare aeromobili sono state “prestate” alla APWorks, una società posseduta al 100% dal marchio con sede a Tolosa, che ha pensato bene di concentrare gli sforzi sulla moto del futuro. E quello che in un primo momento sembrava uno dei tanti prototipi da mettere in bacheca, in poco tempo è diventato un progetto curato, coccolato, seguito dai vertici di Airbus alla stregua di un nuovo modello di aereo commerciale.

La Light Rider è la prima moto in 3D che rivoluzione anche il metodo di costruzione: è stata pensata, disegnata al computer e assemblata in dodici mesi. È elettrica, pesa pochissimo, circa 35 chili (il telaio meno di 6), un terzo in meno rispetto alle altre e-bike in circolazione. Il materiale di cui è composta è lo Scalmalloy, una sorta di alluminio ad alta resistenza con le stesse caratteristiche del titanio, assemblando col laser a strati di 60 micron. Veloce e scattante quanto basta (pochi secondi per andare da zero a 80 all’ora, e soltanto 3 secondi da zero e 45 all’ora), il motore sforna 6 kW (8,16 cavalli), consuma poco (60 km con un pieno di energia elettrica) e soprattutto la forma sembra partorita da un designer protagonista di un film di fantascienza. Secondo Joachim Zettler, il numero uno di Airbus-APWorks “i passi in avanti nelle tecniche di assemblaggio a strati ci ha permesso di pensare e realizzare un design “bionico” fin dall’inizio, senza il bisogno di operare dei cambiamenti al progetto. Sono tecnologie – aggiunge – che ci permettono di aggirare e far sparire ogni ostacolo che possiamo invece trovare nei sistemi di costruzione tradizionale”. Chi ne avesse voglia può acquistarne un esemplare: i primi 50 sono in vendita sul sito http://www.lightrider.apworks.de/.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email