bmw

Anche Bmw nella MotoGp? La desione della casa tedesca

No, grazie. La Bmw chiude la porta a un possibile approdo in MotoGp. Se nel 2015 sono tornate nella classe regina del motociclismo l’Aprilia e la Suzuki (che hanno così affiancato sulla griglia di partenza Honda, Yamaha e Ducati) e dal 2017 farà capolino anche la KTM, stesso discorso non si può fare per la casa bavarese. Da anni si parla di un possibile arrivo nella categoria regina ma il momento non è ancora arrivato. È stato lo stesso amministratore delegato di Bmw Stephan Schnaller a fare pollice verso: “Abbiamo deciso di interrompere il nostro impegno diretto in Superbike per dedicare tutte le nostre energie allo sviluppo della moto stradale. Al momento non vedo motivi per cambiare questa decisione. Per quanto riguarda la MotoGP, BMW avrebbe ovviamente la forza economica per partecipare al campionato, ma non vogliamo impiegarla per far correre due piloti in quella categoria”.

Frasi forti e nette che indicano una precisa strategia da parte della Bmw. A Monaco, probabilmente anche grazie ai lusinghieri dati di vendita che, anche nel 2015, hanno premiato il brand dell’elica, non sembrano per nulla preoccupati di dover lavare l’onta, in MotoGP, dell’aver investito cifre importanti nel progetto SBK senza aver colto quel titolo mondiale (pur con numerose vittorie nelle singole gare) che era l’obiettivo dichiarato di una casa abituata a vincere come BMW. Insomma, almeno per il momento, il sogno di tanti appassionati di vedere sfrecciare sui circuiti della MotoPg una moto Bmw non si avvererà. Vedremo se in futuro questa opportunità diventerà qualcosa di più concreto.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email