aero-e-racer

Anche una moto elettrica può diventare “special”: ecco la Aero E-Racer su base Tacita

“Special” e “Elettrico” sono termini che spesso non coincidono. Spesso, infatti, quando vengono realizzate moto speciali si fa poca attenzione alla tutela dell’ambiente o al contenimento delle emissioni inquinanti. Solitamente le cafè racer sono moto rombanti con le loro grosse testate alettate in bella vista; oppure sono minacciose street-fighter con gli scarichi aperti, iper-sportive carenate con una componentistica che costa da sola più della moto originale. Insomma la caratteristica “eco-friendly” poco si avvicina allo stile delle moto riviste e corrette.

aero-e-racer2

Tuttavia non è il caso della Aero E-Racer, la due ruote ad emissioni zero basata sulla Tacita Diabolika, E-bike torinese che partecipa al Campionato Francese Supermotard E. Questa moto è la prova che anche un modello elettrico può essere elaborato e customizzato sino a diventare una moto “speciale”. Tacita è uno dei marchi più attivi nel panorama delle competizioni dedicate alle moto elettriche: risale allo scorso giugno anche il debutto nella E-MX della T-Race C, il modello di Tacita dedicato al motocross. Questa Aero E-Racer è stata presentata al Salone di EICMA nei giorni scorsi e si configura sostanzialmente come una fun-bike elettrica che strizza l’occhio al supermotard: con una componentistica al top e molti particolari in alluminio ricavati dal pieno è un vero e proprio capolavoro che discosta dalle solite special per un “cuore” decisamente più eco-friendly. Abituati ai numeri delle moderne supersportive, i 25 kW erogati dall’unità motrice potrebbero sembrare poca cosa, ma con 60 Nm di coppia disponibili fin da subito e un interasse contenuto. Insomma questo modello di Aero E-Racer potrebbe diventare il capostipite di una tendenza per le moto dei prossimi anni.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email