motoairbag

Arriva vZero, il motoairbag che si indossa sopra la giacca

A prima vista sembra uno zaino indossabile su qualsiasi tipo di giacca. In realtà è un accessorio fondamentale per la sicurezza dei motociclisti. Si tratta del Motoairbag vZero, un dispositivo di protezione individuale, creato da D.P.I. Safety. E in effetti la forma è quella di uno zaino ma molto utile: infatti è pensato per assicurare l’incolumità di schiena, coccige e cervicale in caso di caduta accidentale dalla moto. Collegato al veicolo tramite cavo spiralato, il D.P.I. Safety Motoairbag vZero si attiva in un tempo di 80 millesimi di secondo in caso di repentino allontanamento dalla sella a cui è agganciato e sfrutta, per farlo, un meccanismo di innesco attivato da una bombola di ricarica. Realizzato in Cordura 500, questo dispositivo viene proposto nei colori Fluo, Camo e Metal Grey e presenta una serie di inserti rifrangenti allo scopo di massimizzare la visibilità del motociclista.

Motoairbag vZero è disponibile in taglia unica adattabile alle varie fisionomie grazie a varie regolazioni ed è certificato EN1621/4:2013 Livello 2, presenta un volume totale di 15 litri, ferma l’ago della bilancia entro un valore di 800 grammi e promette una forza d’impatto pari a 1,4 kN (contro i 9 kN restituiti da un back protector tradizionale). Distribuito sul territorio nazionale da SST Italia, viene proposto al pubblico ad un prezzo di 389 euro. Pesa davvero poco e una volta indossato quasi non si sente addosso. Per di più non solo gli spallacci sono regolabili ma è presente un gancetto frontale come gli zaini da montagna. Dopodiché quel che conta è che Motoairbag Vzero si affida a una tecnologia airbag (sicura) chiamata “esplosione fredda”. In pratica nella zona posteriore – dove è ripiegato l’airbag – è presente esternamente un laccio con moschettone da ancorare alla moto oppure allo scooter. In caso di incidente, se si viene sbalzati via, il laccio si tende e fa scattare la valvola della bomboletta di CO2 che fa gonfiare l’airbag (da 15 litri).



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email