assmoto

Assicurazioni, risarcimento diretto: i più penalizzati sono i motociclisti

Il risarcimento diretto porta in dote 56 milioni di euro di extra costi. Si tratta dell’onere finanziario che è gravato nell’ultimo biennio sulle compagnie di assicurazione per effetto del risarcimento diretto. E questi costi poi ricadono sui clienti finali. Dal 2007 il conducente che subisce un incidente non è più risarcito dalla compagnia del responsabile ma dalla propria che in seguito riceva un rimborso dall’assicurazione del responsabile stesso. Ma tale rimborso non corrisponde all’esatto importo bensì a un forfait che viene definito anno per anno. Fatta questa premessa Confindustria Ancma ha commissionato all’Università Luiss di Roma un approfondimento scientifico dell’indennizzo diretto, con l’obiettivo di verificarne gli effetti distorsivi sulle polizze di ciclomotori e motocicli.

Il risultato dell’indagine è stato riportato dal sito della Gazzetta dello Sport nella sezione motori: “Il meccanismo dell’indennizzo diretto – che nel suo complesso ha generato effetti positivi sulle tariffe e sui tempi del risarcimento – produce evidenti effetti distorsivi quando l’incidente coinvolge veicoli appartenenti a categorie differenti. Siccome, nella maggior parte dei casi, gli incidenti motociclistici coinvolgono veicoli appartenenti ad altra categoria (prevalentemente autovetture), il settore delle due ruote risulta penalizzato, con un conseguente aumento delle tariffe assicurative: i dati Consap – come detto – evidenziano che gli incidenti motociclistici, nell’ultimo biennio, sono costati alle compagnie 56 milioni di euro in più rispetto ai costi che avrebbero generato in assenza del sistema del risarcimento diretto. Il risarcimento diretto così concepito è un sistema iniquo perché riversa sugli assicurati motociclisti i costi generati dagli assicurati di altre categorie”. Lo studio della Luis propone anche delle soluzioni: per annullare l’effetto distorsivo alla radice si potrebbe eliminare o riformare il meccanismo del forfait, oppure eliminare l’intero sistema del risarcimento diretto.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email