Battle of the Kings, arriva la Skeggia: la creazione di Harley-Davidson Parma su base Roadster

Iniziano a comparire le prime immagini dei modelli che parteciperanno alla Battle Of The Kings 2017, l’evento che mette in competizione gli amanti delle Harley Davidson. Tema di quest’anno è lo Sportster XL 1200 CX Roadster, un modello presentato nel 2016 e ispirato alle racer anni ’50. Tra i 40 dealer Harley-Davidson partecipanti siamo andati a scoprire le caratteristiche tecniche della Roadster di Harley-Davidson Parma, gestita da Roberto Demaldè, uno che ha corso un po’ con tutte le moto e in tutte le discipline, dal motocross, che tuttora pratica, al trofeo Ducati, passando per Supermoto e Sport Production. Il suo animo sportivo si riflette pertanto sulle customizzazioni operate nella sua concessionaria. La XL 1200 CX Roadster è una moto dalla eccezionale dotazione tecnica già di serie, che si presta a una preparazione che pur senza stravolgerla, è replicabile secondo le regole (utilizzo di almeno il 50% di accessori ufficiali H-D) e i limiti di budget (6mila euro) stabiliti da Harley-Davidson. Dopo il giallo accesso della Heroica (special su base 883 Iron), questa volta quando si è trattato di decidere Il colore, gli uomini del team hanno deciso di lasciar fare alle “quote rosa” del tema di lavoro Laura ed Elena, che hanno optato per il Velocity Red Sunglo della versione di serie.

Hanno quindi attinto a piene mani dal catalogo di accessori originali Genuine Motor Accessories & Parts, utilizzando manubrio drag bar, ammortizzatori Screamin’ Eagle Piggyback, copriasse anteriori e posteriori con logo Bar & Shield, tappo serbatoio a incasso, cover accesso frizione Rail, cupolino e puntale , sella Super Reach, faro a LED, manopole della serie Diamond Black e serbatoio peanut da 2,2 galloni (8,3 litri), lo stesso del Forty-Eight. Unica divagazione dal catalogo Genuine sono stati lo scarico e il copri pignone, entrambi firmati da Roland Sands. Completamente artigianali sono invece la cover filtro aria e i parasteli della forcella carbon look, che conferiscono un look racer e richiamano il terminale di scarico. Infine il nome della special: quando hanno visto il modello così sottile, filante e appuntito Roberto e i suoi collaboratori non hanno avuto dubbi e l’hanno chiamato la “Skeggia”.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email