velvet

Battle of the Kings, la creazione di un dealer di Ravenna: “Velvet” su base Sportster Roadster

Macano poche ore alla Battle Of The Kings 2017, la manifestazione dedicata ai customizzatori che devono preparare una special su base Harley. Quest’anno i partecipanti dovranno mettere mano su un modello della famiglia Sportster a scelta della gamma Dark Custom, tra cui Iron 883, Forty-Eight e Roadster. Ci ha provato un concessionario di Ravenna che ha interpretato in chiave ancora più sportiva l’indole racer del modello d’origine Sportster XL 1200 CX Roadster. Il dealer romagnolo è uno dei più conosciuti nel mondo Harley: infatti nel 1992 Mauro Signorini e Marina Turchetti, iniziarono a vendere le prime Harley-Davidson e un anno dopo aprirono la loro prima officina autorizzata con l’insegna della rete di “Americana, Officine & Accessori”, che in quegli anni affiancavano le concessionarie Numero Uno.

velvet2

Il progetto viene seguito da tutti i componenti della concessionaria, a cominciare dalla figlia di Mauro e Marina, Carlotta, da Bolla e Armando, rispettivamente capo officina e meccanico, e da Giovanni Gallo, che si divide con l’officina ravennate Tondo Garage. Il nome scelto per questa moto è Velvet (Velluto) e secondo i suoi creatori questo nome è un richiamo alla forma della lettera V, come The Velvet Underground, la rock band americana, e ovviamente anche ai V-twin. Meet me Halfway è il messaggio della Velvet: questa moto è un po’ ambigua, un giorno può essere la classica Roadster e il giorno dopo può mascherarsi da Velvet. L’idea è quella di dare a un modello che già in configurazione di serie ha un carattere relativamente sportivo, un vestito agonistico. E allora il gruppo di lavoro ha deciso di effettuare un intervento radicale alla carrozzeria: viene infatti progettata una monoscocca con serbatoio integrato, realizzata in alluminio battuto a mano che rende la linea della Roadster ancora più filante e per certi versi ricorda vagamente le Buell XB9R e XB12R Firebolt, con un gruppo ottico che ne prende però le distanze. La particolarità sta in una facile replicazione. La monoscocca bolt-on è un vestito che si mette e si toglie in un clic senza l’apporto di modifiche strutturali della Roadster, senza effettuare tagli al telaio o saldature. Tra gli accessori originali scelti dal catalogo Genuine figurano gli ammortizzatori regolabili Screamin’ Eagle Piggyback, un manubrio drag bar, filtro aria Screamin’ Eagle Heavy Breather, carter pignone e distribuzione della linea Rail Collection. Lo scarico su misura è invece stato disegnato e realizzato insieme all’amico Giorgio Giannelli della Arrow, che per questa moto ha scelto un prodotto della nuovissima linea Mohican personalizzato ad hoc.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email