benellinaked

Benelli punta al mercato delle medie con due nuove naked

Si susseguono le indiscrezioni sui prossimi modelli di Benelli. La casa di Pesaro, controllata dalla cinese Quanjiang, aveva promesso novità alla fine dei test della BN 302. Anche se il condizionale è d’obbligo, alcuni rumors Pesaro indicherebbero che la casa italiana stia puntando anche al segmento medio del mercato con due nuove moto, una bicilindrica ed una tre cilindri. La prima sarebbe la BN 750, trasposizione in chiave moderna della Due 756. Dal punto di vista dei motori, la nuova creatura non dovrebbe molto discostarsi dai modelli mostrati a Eicma, anzi si potrebbe anche azzardare che siano la stessa unità. Molto, invece, cambia sul lato dell’estetica. Benelli è passata dalle linee spigolose e squadrate del prototipo, a quelle che prefigurano il modello di serie, più improntate alla rotondità, a cominciare dal telaio a traliccio ed al forcellone posteriore, adesso in tubi tondi. Anche il fanale a sviluppo verticale lascia il posto ad uno che per dimensione e forma richiama quello utilizzato sulle ultime due serie del Monster di Ducati. Il design pulito si fa apprezzare anche nella parte immediatamente dietro al manubrio, con la scomparsa delle prese d’aria sul lungo serbatoio, con quest’ultimo raccordato ad una coda corta e sormontata dalla sella biposto a sbalzo, con il tutto completato da uno scarico laterale a metà strada tra il tradizionale e quello di uno scrambler e dal portatarga fissato su uno dei due bracci del forcellone posteriore, soluzione già vista sul Leoncino. In questo modo Benelli lancia la sfida alle varie medie europee e giapponesi.

benellinaked2

L’altro modello potrebbe essere una versione nuova della TNT 899, che verrebbe sempre mossa dal tre cilindri originariamente progettato, alla fine degli anni ’90, per muovere la Tornado 900 (che partecipò al mondiale Superbike nel 2001 e 2002) e poi utilizzato sulla naked di pari cilindrata fino al 2014. Telaio a traliccio, però con la variante del radiatore singolo, anziché doppio, come sull’attuale modello, nuovo gruppo ottico anteriore, così come la sella, sdoppiata, mentre il forcellone posteriore verrebbe mutuato dalla versione oggi in listino, sono alcune delle caratteristiche di questa moto, più chiaramente ispirata agli stilemi del segmento maxi-naked di quanto non lo sia il 750.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email