wedge2

Bmw G310R, per la piccola roadster è già customizzazione: la preparazione di Wedge

I giapponesi confermano di amare molto i modelli di moto targati Bmw. È il caso dell’officina Wedge, aperta nel 2009 da Takashi Nihira, che ha visto l’ultima arrivata tra le bavaresi (la roadster G310R) e non ci ha pensato un attimo a sviluppare una nuova moto su base Bmw. Prima di aprire la sua officina Takashi ha lavorato come meccanico in un’officina di auto imparando ogni tipo di tecnica, dalla lavorazione dei metalli, passando per saldatura e verniciatura. Abilità trasferite subito al settore moto, quando ha intrapreso la carriera di preparatore, che lo ha portato nel 2014 a vincere il premio “Best Domestic” all’Hot Rod Custom Show di Yokohama: l’Oscar dei preparatori custom. Nonostante l’esperienza accumulata, Nihira ha trovato alcune difficoltà quando si è trovato di fronte la piccola G310 con la richiesta da parte di Bmw Motorrad Japan di tirarne fuori una preparazione: “Ho sentito una pressione diversa, di solito c’è sempre un proprietario che offre spunti e indicazioni. Stavolta c’era un marchio che mi dava carta bianca su cosa fare. Dopo averla vista al Tokyo Motorcycle Show, mi sono fatto un’idea di cos’è la G310, cioè una roadster con ruote da 17 pollici. Da lì ho iniziato a pensare una customizzazione diversa dal solito: più la special differisce dalla base, più è divertente metterla insieme. Ho deciso di costruire un tracker, perché mi piace quello stile. È libertà, la puoi usare in città o anche per gite fuori porta”.

wedge

Il customizer giapponese ha pensato inizialmente di rifare il telaio, ma ciò avrebbe snaturato troppo la monocilindrica bavarese, quindi la decisione è stata quella di metterlo bene in evidenza insieme allo scarico. Il mono posteriore è stato spostato sotto al serbatoio adeguatamente risagomato, per ottenere più spazio nella parte posteriore che ha accolto un nuovo sottotelaio e lo scarico fabbricato artigianalmente. I collettori girano sinuosi attorno al forcellone e arrivano alti con un bel terminale in acciaio inox. Stock sono rimasti sia l’impianto frenante, sia la forcella che è stata sfilata; nuovi i cerchi da 19 pollici che accolgono un paio di coperture Maxxis da dirt track. Altri elementi che stanno a pennello su questa moto sono il filtro K&N, il radiatore laterale e il kit di raffreddamento TrailTech. Una manciata di LED completano il reparto luci, mentre gli indicatori di direzione sono alla fine del manubrio, contribuendo a “pulire” la linea della moto. Al solito MotoGadget il compito di mostrare a che velocità si sta andando. Per finire i colori: oliva per il telaio, bianco per il colore delle superfici tabelle portanumero comprese.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email