schizzo

Bmw, la R80 di WalzWerk diventa SCHIZZO Cafè racer: una bobber con un pizzico di rat-bike style

La Bmw Boxer è una base che ha ispirato molti customizer: con quei grossi cilindroni che sporgono dal telaio, la fitta alettatura e i carburatori ben in vista, il bicilindrico di Monaco è un propulsore estremamente scenografico, adatto a essere modificato. Devono averlo capito in Bmw, quando hanno deciso di proporre la serie NineT: in particolare, la versione Racer strizza l’occhio proprio a coloro che amano le special sportiveggianti che ricalcano le linee delle moto da corsa del passato. Sono in molti, però, che la propria Race Replica equipaggiata con il bicilindrico tedesco a cilindri contrapposti hanno deciso di farsela in proprio: tra le special BMW “fatte in casa”, la SCHIZZO Cafè Racer proposta da WalzWerk è una delle più affascinanti: il telaio è quello di una vecchia R80 RT, ma il propulsore originale è stato sostituito con un più nerboruto 1070 cc proveniente da R100 RS: lo stesso propulsore che equipaggia la Sinroja R3, la cafè racer indo-britannica.

schizzo2

Grezza, minimalista e caratterizzata da quel fascino che solo i prodotti artigianali possono avere, la SCHIZZO è stata realizzata facendo ampio ricorso alla fibra di carbonio: molte sono le parti in composito, pezzi unici costruiti ad hoc per equipaggiare questa special. I componenti originali rimasti sono il telaio, il serbatoio del carburante e le ruote. Un po’ racer e un po’ bobber, con un pizzico di rat-bike style: i materiali nobili si mischiano con l’acciaio, una ricetta che dona alla SCHIZZO un fascino unico e rude. L’impianto di scarico, costituito da due tromboni che sbucano su entrambi i lati della moto, è prodotto dalla Kess Tech.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email