ose

Bmw, i ragazzi di Old School Engineering trasformano la R nineT: ora è Magnum

La R nineT diventa Magnum. I ragazzi di Old School Engineering (OSE) hanno ribattezzato in questo modo la loro special su base Bmw che riporta la livrea del Volkswagen Kombi colorato di rosso, giallo e arancione che compariva nella strafamosa serie anni Ottanta Magnum P.I., la fiction con protagonista Tom Selleck. Con questa Magnum i transalpini hanno posto l’accento sul potenziale neo classico del boxer tedesco grazie a una mezza carena e un codino rotondi e proporzionati in maniera perfetta rispetto ai volumi della moto. Le forme sono pulitissime grazie soprattutto all’astuto vedo-non vedo degli scarichi che sono stati sapientemente nascosti sotto sella con due uscite tronche nel codino monoposto. Due collettori bollenti che passano vicino a un mono sono qualcosa che va trattato per evitare danni o inconvenienti: la soluzione che è arrivata dal garage di OSE è stata un trattamento ceramico di tutto l’impianto per abbassare le temperature e isolare il calore.

ose2

Il lavoro maggiore in garage è stato rivolto all’aspetto estetico e a soluzioni per convertire velocemente la nineT in una moto pronta per la pista: è stata progettata una cover per nascondere il faro anteriore ricavandola da un copricerchio in alluminio di Mooneyes, mentre non ci sono, dunque, modifiche all’impianto frenante, alle sospensioni o al motore (scarico a parte). Sempre sulla carena in fibra di vetro una serie di fori, espediente rubato dalle corse, compone la scritta nineT. Dietro alla protezione dal vento, i francesi di Old School Engineering hanno installato un minimale strumento di MotoGadget. Altri dettagli di qualità sono il fanale a LED posteriore, il serbatoio della pompa freno by Rizoma e i comandi Beringer. Sulla colorazione come già detto all’inizio s’è andati sul sicuro con tre nuances di colori caldi. Niente fuori posto, il boxer è riuscito benissimo e ciò testimonia ulteriormente quanto la nineT sia un mezzo eclettico e dalle molteplici anime.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email