Una coupé spaziosa e dal tetto spiovente per conquistare gli appassionati: nasce così Volkswagen Arteon

A quindici anni di distanza dal lancio della Phaeton, Volkswagen prova di nuovo a inserire nella propria gamma un’ammiraglia e lo fa con un modello più vicino alle esigenze e ai gusti dei clienti del proprio brand. Nuova Arteon ha infatti dimensioni superiori rispetto alla Passat (è lunga 4 metri e 86) ma con posizionamento di mercato più alto (i prezzi vanno da 46.500 a 55.300 euro). A questa si aggiungono da tradizione una linea dinamica e cinque comodi posti.

Uno degli elementi di design di maggior spicco della nuova Arteon è indubbiamente il frontale, il cui tratto distintivo è rappresentato dal cofano motore che si protende in avanti fino a congiungersi con i parafanghi e con la calandra che abbraccia tutta la larghezza dell’auto. A questi si aggiungono l’imponenza delle spalle a livello dei parafanghi posteriori e i passaruota maggiorati a incorniciare cerchi in lega leggera che arrivano a seconda delle versioni fino a 20 pollici di diametro.

Le vendite di Arteon sono iniziate ad aprile e le consegne partiranno a luglio, con una gamma a gasolio che spazia dalla 2.0 TDI 150 Cv (offerta anche con taratura da 190 Cv) alla 2.0 BiTDI da 240 Cv, e con la possibilità di ordinare anche l’unica variante a benzina, la 2.0 TSI da 280 Cv. Su tutte le Arteon vendute nel nostro mercato sarà di serie il cambio automatico a doppia frizione DSG. Due i livelli di allestimento: Sport ed Elegance.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email