suzuki-gsx-r1300-hayabusa-joo

Desiderate un missile d’occasione nel garage? La Suzuki GSX-R1300 Hayabusa fa per voi

Dal 1999, la Suzuki GSX-R1300 Hayabusa è sinonimo di velocità pura. Prima o seconda serie, questa super sport touring anche da usata si fa un po’ pagare. Ecco cosa controllare prima di procedere all’acquisto.

Se tra le moto di serie, oggi lo scettro della velocità massima è sicuramente in mano alla esclusivissima Kawasaki Ninja H2R, forte dei suoi oltre 300 CV, nel novero delle moto “normali”, la regina è la Suzuki GSX-R1300 Hayabusa. Ma i suoi 15.900 euro sul listino del nuovo non sono pochi per una moto che non si aggiorna dal 2008 ed è rimasta piuttosto simile alla prima versione del 1999, nei suoi fondamentali, anche se è pur vero che si è giovata delle novità del restyling del 2008: pinze freno radiali, lieve aumento di potenza grazie alla maggior cilindrata (da 1.299 a 1.340 cc), scelte tra tre mappe motore e un’estetica rivisitata.

suzuki-gsx-r1300-hayabusa-3joo

Se a posto di manutenzione, queste moto vanno bene per chi cerca un missile nel garage, ma l’offerta non è enorme. Di conseguenza i prezzi non sono proprio bassi: per una prima serie (1999-2007), 4.000/4.500 euro e per una seconda serie (dal 2008 in poi), 7.000/7.500 euro. Un certo margine di trattativa ci sarebbe dato, per i modelli più datati, gli anni cominciano ad essere tanti. E poi, col variare delle omologazioni antiinquinamento, il costo del bollo incide. A livello meccanico, entrambe le versioni sono molto affidabili: le grandi prestazioni si ottengono grazie alla cilindrata “super”.

All’atto pratico, la moto è relativamente “poco spremuta”, eventuali chilometraggi importanti non devono spaventare: al limite si può tirare ancora un po’ sul prezzo (e occhio ai tagliandi che vanno fatti ogni 6.000 km).

suzuki-gsx-r1300-hayabusa-cruscotto-joo

Questa 1300, a suo agio tra le curve, grazie alla carena protettiva, si adatta nei lunghi viaggi autostradali e magari in coppia. Senza tralasciare che in autostrada i 16 km/litro non sono proibitivi.

Un neo: per le borse non ci sono moltissime soluzioni dedicate e spesso si devono adattare valigie universali. Però il week-end al mare si fa senza problemi, e comunque in autostrada i 16 km/litro non sono impossibili. Un altro difetto è dato dal consumo del pneumatico posteriore. Peso e CV non aiutano ma, guidando saggiamente, una gomma sport-touring può durare anche 10.000 km.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email