ducatimikehailwood

Doppio tributo al pilota e alla storia: Ducati Thailandia omaggia Mike Hailwood

In principio c’era la Ducati MHR, prodotta tra gli anni ’70 e ’80 con motore 900 e 1000 e realizzata per celebrare le vittorie di un pilota leggendario per il marchio di Borgo Panigale: Mike Hailwood. Si trattava di una moto particolare, non solo tecnica ma anche estetica con la sua colorazione rosso-verde replica della moto da gara di “Mike The Bike”, diventata ormai leggendaria. Ora Ducati Thailandia, ha deciso di omaggiare sia il pilota che la storia del marchio realizzando la Scrambler Mike Hailwood, una edizione limitata per il mercato interno, dotata di una colorazione chiaramente evocativa e un’estetica inedita per diversi particolari. Si parte dalla zona più caratteristica della moto, il cupolino, realizzato con l’intento di impreziosire e rendere più sportivo l’anteriore. Circonda il faro tondo originale e richiama il cupolone della MHR d’epoca.

Il serbatoio è verniciato nello stesso rosso del telaio, mentre il codino si allarga ai fianchetti ed è di chiara ispirazione anni ’70, anche se corto e dotato di faro a LED. Ci piace un sacco l’accostamento ai cerchi dorati e le finiture in verde e bianco. Per quanto riguarda la tecnica, non c’è assolutamente nulla di nuovo dentro il motore, quindi il motore da 803 cc raffreddato ad aria avrà ancora la potenza massima di 75 CV a 8.250 g/min e una coppia massima di 68 Nm a 5.750 g/min, per un peso totale del mezzo di 176 kg. Unico vezzo, lo scarico Termignoni del catalogo accessori ufficiale. Il prezzo di questa specialissima versione Thailandese è pari a 16.000 euro e ne sono state vendute già 25. Mike Hailwook era soprannominato “Mike The Bike”, per la sua innata predisposizione alla guida di moto: è annoverato tra i più grandi campioni del motociclismo sportivo di tutti i tempi. Successivamente passato alle quattro ruote disputando 49 Gran Premi in Formula 1, diventando uno dei pochi uomini in grado di competere nelle serie maggiori sia su motoveicoli che su autoveicoli.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email