supersport

Ducati, al WDW la novità che tutti aspettavano: la Supersport 936

Il World Ducati Week è stata l’occasione per presentare due importanti novità: una versione speciale per i 90 anni della “Rossa” di Borgo Panigale e un’anteprima di un modello 2017. Quest’ultimo è stato esposto in una “camera di sicurezza” alla quale i partecipanti potevano accedere senza poter scattare foto. Tuttavia nell’epoca dei social network è sempre complesso mantenere un segreto e infatti uno scatto clandestino è ugualmente trapelato facendo capire come sarà la prossima moto: si tratta di una nuovissima Ducati Supersport 936 con il frontale ispirato a quello della Panigale, sotto la carena però non c’è il motore Superquadro che equipaggia le SBK bolognesi, ma il bicilindrico. Tra le caratteristiche spicca il telaio rosso (tipico della famiglia Monster) e il manubrio non troppo basso che promette una posizione di guida comoda per l’uso su strada. La Supersport sarà quindi una sportiva da godersi soprattutto sulle strade “normali” e non votata esclusivamente alla pista come le superbike Panigale.

Lo stesso ad di Ducati Claudio Domenicali ha confermato queste impressioni durante la la conferenza stampa che ha presentato il WDW: “Si tratta di un nuovo modello, votato all’uso stradale, non realizzato per la pista. La Supersport è molto attenta al comfort e all’ergonomia, anche per il passeggero, non si tratta di una moto estrema, avrà una cilindrata sotto i 1000 sfruttando il nostro motore 936, sarà leggera anche per quel che riguarda i costi di gestione e per il prezzo di acquisto. Le sportive moderne sono moto complicate, hanno prestazioni estreme e un prezzo molto elevato. Sul mercato attualmente c’è ben poco di paragonabile alla Supersport, si tratta  di moto “povere” che costringono a compromessi. La nostra non sarà così e lo vedrete all’EICMA.” Promesse interessanti, non vediamo l’ora di provare questa nuova Ducati bella e “possibile”: vista la base di partenza (Monster 821) e l’impostazione generale, ci aspettiamo un prezzo intorno ai 12.000/13.000 euro”.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email