scrambler2

Ducati avvia la campagna di richiamo per tutti gli Scrambler 800: cosa sta succedendo

Un problema al sensore del cavalletto ha indotto Ducati a richiamare tutti gli Scrambler 800. Inizialmente la notizia de richiamo aveva coinvolto solo 5500 unità negli Stati Uniti. Poi è stata la stessa Ducati che confermato che il massiccio richiamo di Scrambler 800 è in realtà “global”, ovvero riguarda tutti i mezzi prodotti dalla prima uscita sino ad oggi. Nello specifico, si tratta di una campagna di richiamo preventiva messa in opera dalla Casa bolognese (a scopo precauzionale) per un possibile problema legato al sensore del cavalletto, che potrebbe portare – in via teorica – allo spegnimento improvviso del mezzo durante la guida con conseguenze facilmente immaginabili.

scrambler

Quando si parla di Ducati Scrambler, il riferimento è alla best seller della Casa bolognese del 2016, al modello “modern-classic” presente sul mercato più venduto. Fa dello stile, della versatilità e della semplicità d’uso, i suoi punti di forza. E proietta la Casa di Borgo Panigale in una direzione nuova, dove le tendenze si mescolano con la passione che solo un brand come Ducati riesce a generare. Va comunque ricordato che la gamma Scrambler 800 2017 conta a oggi ben 5 versioni: Icon, Classic, Full Throttle, Desert Sled e Café Racer (cui va aggiunta la Urban Enduro prodotta fino al 2016), tutte spinte dal vivace bicilindrico da 803 cc, capace di 75 CV a 8.250 giri/min e 68 Nm a 5.750 giri/min. I diversi modelli, che reinterpretano le diverse anime “modern-classic” di questa moto, sono venduti ad un prezzo che oscilla dagli 8.650 euro della Icon (la più “economica”) ai 10.950 della Café Racer.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email