panigalina2

Ducati, la baby “panigalina” cresce di cilindrata e di potenza

Ducati propone la Panigale 959: quella che gli appassionati hanno soprannominato la “panigalina” cresce ma resta facile da guidare. Si tratta di una baby superbike che ha come principale caratteristica il bicilindrico ad L di 90° Superquadro da 955 cc, ottenuto incrementando la corsa del pistone, passata da 57,2 a 60,8 mm. L’aumento della cubatura si porta dietro una crescita della potenza che, grazie ad albero motore bielle e pistoni nuovi, raggiunge i 157 cavalli (115,4 kW) a 10500 giri/min (250 in meno rispetto alla 899), così come la coppia, adesso di 107,4 Nm a 9000 giri/min (identico al modello precedente). Il motore Superquadro si affida alla frizione antisaltellamento ed al controllo di trazione DTC su otto livelli, oltre che sui classici tre riding mode (Race, Sport e Wet). Invariati, rispetto alla 899, gli intervalli di manutenzione, che prevedono il tagliando ogni 12000 km ed il controllo del gioco delle valvole ogni 24000.

panigalina

La “panigalina” si dimostra una moto agile e che non stanca mai grazie alla giusta distribuzione dei pesi e a un avantreno abbastanza capibile che permette di inserirsi in curva sempre in modo preciso. La 959 inserisce rapida e tiene bene la corda. La nuova “Panigalina” dispone di un impianto frenante con doppio disco anteriore da 320 mm e disco posteriore da 245 mm, governati dall’ABS Bosch 9MP a tre livelli. Il cambio è a sei marce con sistema DQS (Ducati Quick Shift). Il motore della Panigale 959 risponde alle normative anti-inquinamento Euro 4 e questo ha comportato l’adozione di un nuovo scarico a doppio terminale laterale sovrapposto per il modello in vendita in Europa e, conseguentemente in Italia.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email