ducatimonster1200

Ducati Monster si aggiorna per EICMA: analogie e differenze tra la 1200 e la 1200S

In occasione di EICMA, Ducati presenta gli aggiornamenti della Monter 1200 e 1200S. A prima vista colpiscono il serbatoio più snello e una nuova silhouette del codino: Ma le novità non si esauriscono a questi due dettagli interessanti: la naked per eccellenza di Borgo Panigale conquista ben altro. Innanzitutto ritorna sul serbatoio l’iconico gancio di chiusura e le pedane passeggero sono ora separate da quelle pilota, grazie al nuovo telaietto posteriore. Novità anche nella zona intorno alla strumentazione, che ora è fissata ai riser del manubrio grazie al nuovo supporto del faro. Rinnovato e a doppia parabola, sulla 1200 S ha anche la luce diurna a Led. Per quanto riguarda il motore il Testastretta DS 11° delle nuove Monster 1200 arriva fino a quota 150 cavalli a 9.250 giri, con una coppia di 126 Nm a 7.750 giri. Nonostante la potenza elevata – la stessa sia per la 1200 liscia, sia per la S – un’operazione come la registrazione delle valvole rimane ogni 30.000 km. Della partita è anche una frizione antisaltellamento che – dicono in Ducati – è pure piuttosto morbida da azionare.

ducatimonster12002

La versione base e la 1200 S si differenziano nelle sospensioni: se la Ducati Monster 1200 fa affidamento su una forcella Kayaba con steli da 43 mm di diametro, completamente regolabile, la 1200 S ha una forcella Öhlins con steli (trattati al TiN) da 48 mm pluriregolabile. Il mono della Monster normale è un Sachs regolabile nel precarico molla e nel freno idraulico in estensione. Quello della S è un Öhlins pluriregolabile, mentre i cerchi della Monster più arrabbiata sono specifici. Entrambe montano Pirelli Diablo Rosso III, con misure 120/70 davanti e 190/55 (sempre 17) dietro. Anche la frenata varia nelle due versioni: la S ha lo stesso impianto della Panigale (pinze monoblocco Brembo M50 con dischi da 330 mm e pompa radiale). Più tranquilla la Monster 1200, con dischi da 320 mm e pinze M4.32 – sempre by Brembo. Il capitolo elettronico prevede il Ducati Safety Pack per entrambe: grazie alla piattaforma inerziale arrivano ABS Cornering, traction control e antimpennata, entrambi by Bosch. Tre i mode motore: Sport, Touring e Urban (100 cv). Infine la strumentazione, che sulle nuove Monster 1200 conquista un bel display TFT a colori con tre diversi layout, configurabili a scelta da chi guida.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email