formula1lasvegas

Formula 1, un grande ritorno a Las Vegas? Più di semplici voci di corridoio

E se la Formula 1 tornasse a correre a Las Vegas? Era già accaduto una volta che i bolidi della Formula 1 arrivassero in California: si corse il gp di Las Vegas il 25 settembre 1982 sul circuito del Caesars Palace, ricavato nel parcheggio dell’omonimo albergo. Vinse Michele Alboreto su Tyrrell. Adesso ci sta pensando anche il gran capo del circus Bernie Ecclestone, che ha ammesso l’esistenza di un accordo preliminare con le persone interessate: la gara potrebbe disputarsi già nel 2017 e dovrebbe sostituire l’appuntamento italiano, dopo il fallimento delle trattative per il rinnovo del contratto relativo alla gara di Monza. Lo stesso Ecclestone ne ha parlato in un’intervista al magazine The Daily Mail. Il manager è amministratore delegato della Formula One Management (Fom), società che promuove il campionato Formula 1 e che ne detiene i diritti commerciali.

Ecclestone si è detto entusiasta rispetto a una gara a Las Vegas e ha rivelato che l’ipotesi sarebbe superlativa, pur costando il sacrificio di un tappa storica come Monza. “Monza ha un contratto valido ancora per quest’anno – ha spiegato l’85enne manager -. Il vero punto di domanda sorgerà nel 2017. Non penso che avremo un Gran Premio d’Italia. Qualcuno mi disse tempo fa che non ci sarebbe mai stata la Formula 1 senza una gara in Francia, ed invece ciò è successo”. Per il momento non c’è l’intenzione di aggiungere una gara al calendario 2016, pertanto l’avvicendamento fra Monza e un altro circuito rimane molto probabile, anche se Ecclestone non ha commentato la possibilità di sostituire il circuito brianzolo con quelli di Imola e del Mugello. Tornando a un gran premio negli Stati Uniti attualmente si corre a Austin: una eventuale gara a Las Vegas affiancherebbe quella in Texas.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email