i10

Hyundai: restyling per la i10, la city car intelligente e tecnologica

È pronta la versione 2017 della Hyundai i10: si tratta di uno dei modelli di segmento A più venduti d’Europa: quasi 700 mila unità dal lancio, 220 mila l’attuale generazione in soli 3 anni, di cui 35 mila in Italia. Stile e contenuti nuovi, ma la funzionalità di sempre: 5 porte e 5 posti, con un bagagliaio da oltre 250 litri che è da primato per la categoria. La vettura – svelata al recente Salone di Parigi – si fa notare per l’inedita calandra anteriore, destinata a diventare il punto di riferimento dei futuri modelli Hyundai. La parte anteriore è di quelle importanti, include le luci diurne a LED posizionate alle estremità della griglia e insieme ai fendinebbia rotondi.

i102

Restyling intenso anche per la zona posteriore: di serie sono stati introdotti i retronebbia, e per le modanature laterali, che svelano nuovi cerchi da 14 pollici e paraurti tutti nuovi. Non cambia la gamma motori, con i due benzina di cilindrata 1.0 e 1.2 e potenze di 66 e 87 CV, il primo dei quali adatto anche ai neopatentati. Con loro anche la versione bifuel benzina/gpl con impianto per il gas montato direttamente in fabbrica. La nuova Hyundai i10 mira al ruolo di city car intelligente e tecnologica, una strada che il costruttore coreano vuole percorrere anche con modelli rivoluzionari tipo Ioniq.

i103

Nuovo sulla i10 è il navigatore, con schermo touch da 7 pollici e i sistemi operativi Apple CarPlay e Android Auto che integrano le funzionalità degli smartphone all’interno dell’auto. Il navigatore è in grado di valutare le condizioni di traffico, il meteo e i luoghi di interesse locali e per 10 anni il cliente ha la possibilità di aggiornare gratuitamente i software di navigazione. Tra le dotazioni di sicurezza, spicca la nuova telecamera con funzione di avviso del rischio collisione e di superamento involontario della corsia di marcia. Prezzi non ancora definiti, ma di certo non mancherà la canonica garanzia Hyundai 5 anni a chilometraggio illimitato.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email