ninja

Kawasaki, la Ninja ZX-12R svestita e trasformata in una racer dal gusto vintage

La Kawasaki Ninja ZX-12R è stata la moto di serie con la top speed più alta: grazie ai suoi 179 cv (che la resero provvisoriamente anche la più potente motocicletta in commercio) poteva superare la fatidica soglia dei 300 km/h. Si trattava di un modello sportivo che anche tra i cordoli onorava nome Ninja: seppur velocissime, le rivali Honda CBR1100XX SuperBlackBird e Suzuki GSX-R 1300 Hayabusa avevano un impostazione più da sport-tourer, meno estrema della contender vestita di verde. Per un po’ di anni (prima dell’introduzione della Ninja H2, che sembra aver riaperto la sfida) la corsa tutta giapponese al record di velocità è sembrata un po’ interrompersi, ma la “Ninjona” da 1.2 litri di cubatura non ha smesso di esercitare un grande fascino sugli appassionati. Uno di loro si chiama Daniel, è australiano ed è partito da questa Kawasaki per realizzare una special in salsa cafè racer.

ninja2

Non è proprio usuale vedere una ZX-12R realizzata in salsa retrò, ma il risultato è interessante. La Ninja di Daniel è evidentemente ispirata alle verdone da corsa degli anni ’70, che presero parte alle più importanti gare mondiali con piloti del calibro di Kork Ballington, Anton Mang e Mick Grant: in particolare, in questa “Retro Racer” si possono trovare citazioni alle mitiche KR750 e H2R, mostri a due tempi da 750 cc da oltre 150 cv/l di potenza specifica. L’adattamento delle nuove sovrastrutture ha richiesto ovviamente numerose modifiche ma Daniel non si è fatto scoraggiare e ha continuato a credere in questo progetto che ha realizzato completamente in garage, senza costosi macchinari e investimenti faraonici. È interessante sottolineare che questa special non è l’opera di un famoso customizer o l’idea di una Casa ufficiale: è il progetto di un appassionato che ha voluto così realizzare il sogno di ogni amante delle due ruote.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email