hamann

La Bmw M2 secondo il tuner Hamann: il sei cilindri in linea guadagna 50 cv

È arrivata da pochi mesi sul mercato la entry level delle M di Casa Bmw, la compatta Bmw M2. In poco tempo è diventata una sorta di Santo Graal per gli smanettoni del tuning. Si tratta di una vettura il cui design e il cui concept della derivano direttamente dalla storica tradizione Bmw M. La nuova Bmw M2 combina le prestazioni elevate e la classica trazione posteriore con la precisione e l’agilità di una moderna automobile Bmw M. Il paraurti anteriore e quello posteriore ottimizzano il flusso dell’aria e l’aerodinamica. L’assetto sportivo M e un potente motore benzina a 6 cilindri in linea M TwinPower Turbo assicurano una performance che lascia senza fiato. La vettura è perfetta per gli scatti rapidi e traiettorie veloci, ha ampie prese d’aria nel paraurti anteriore e un’affascinante linea da coupé che appare particolarmente muscolosa sulle fiancate. L’Air Curtain e lo spoiler posteriore M ottimizzano l’aerodinamica. La calandra a doppio rene M con doppi listelli e le branchie M aggiungono un tocco di sportività alla Bmw M2 Coupé. L’assale posteriore preciso e dal peso contenuto e gli pneumatici più larghi assicurano un’ampia carreggiata migliorando la stabilità della vettura.

hamann2

Tutte queste caratteristiche della nuova M2 hanno alimentato la fantasia di tanti preparatori, tra cui il tedesco Hamann: esteticamente la Bmw M2 by Hamann sfoggia un paraurti anteriore ritoccato, nuove minigonne laterali più pronunciate, un nuovo diffusore posteriore e un inedito alettone dalle linee molto elaborate. Completano il quadro estetico i nuovi cerchi dal design personalizzato. Sotto il cofano il sei cilindri in linea da 3.0 litri guadagna ben 50 CV, portando la potenza complessiva dai 370 CV originali a 420 CV (molto vicina alla sorella maggiore M4, da 431 CV). Anche la coppia riceve un notevole incremento di 65 Nm con un valore complessivo di 530 Nm (550 Nm per la M4). Hamann è riuscito a ottenere questo importante incremento di potenza grazie a una riprogrammazione dell’elettronica e con un nuovo impianto di scarico.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email