fuel

La Ducati Scrambler secondo Fuel Bespoke: una special sognando la 900 SS

La Ducati Scrambler ha attirato l’attenzione di tanti customizzatori. Grazie alla sua vocazione retrò ha inoltre stuzzicato la fantasia di numerosi preparatori, che sono partiti proprio dalla entry level vintage di Borgo Panigale per realizzare le proprie special. Al recente Scrambler Custom Rumble si sono viste un gran numero di creazioni sulla base della piccola twin bolognese, declinate secondo le più disparate interpretazioni: alcuni hanno puntato a enfatizzare il legame con l’antenata monocilindrica degli anni ’60 facendo leva sul fattore nostalgia, altri – come i ragazzi di Fuel Bespoke Motorcycles – hanno pensato invece alle mitiche supersportive a coppie coniche che hanno lanciato il marchio italiano nel mondo delle grosse maximoto. I customizzatori catalani hanno infatti voluto rifarsi a uno dei modelli sportivi più iconici dell’intera storia di Ducati: la 900 SS prodotta dal 1977 al 1982, con la quale Mike Hailwood trionfò al Tourist Trophy 1978. Fuel Bespoke Motorcycles ha pensato alla versione stradale di quella moto.

fuel2

L’azienda catalana nata nel 2012 e si specializza subito nella creazione di special dallo spiccato stile vintage: questa Scrambler non tradisce le tradizioni del brand ma non rinuncia a quel tocco di attualità che la rende un’affascinante reinterpretazione moderna della fantastica “coppie coniche” di 40 anni fa. Il serbatoio è quello di una Benelli Mojave, particolare peraltro già visto su altre cafè racer. La piccola semicarena e il codino, che richiamano le forme della gloriosa antenata, sono repliche costruite in Giappone, paese che nonostante la presenza di importanti case motociclistiche autoctone ha sempre dimostrato un grande amore per creature di Borgo Panigale.

fuel3

I ragazzi di di Fuel Bespoke hanno scelto la colorazione nera-oro come un tributo a una delle più belle livree disponibili per la 900 SS originale e sono intervenuti per iniettare un po’ di aggressività a questa loro special: nuovi semimanubri, pedane di origine Monster riadattate per una posizione di guida più sportiva e una serie di modifiche per rendere l’assetto più sbilanciato verso l’avantreno hanno trasformato una paciosa entry level in una race replica cattiva ma elegantissima. L’impianto scarico con saldature a vista ha un look MotoGP-style non rinuncia a esibire i due grossi grossi collettori che si snodano sul lato destro della moto. Altri componenti, come le ruote a raggi, il portatarga e il parafango anteriore in carbonio, provengono invece dal catalogo di accessori ufficiale.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email