caschi2

La Northwall sbarca a Hollywood: i caschi di Gianluca Martini per il nuovo film di Ridley Scott

Una dozzina. È il numero dei caschi ordinati dalla produzione del nuovo film Alien di Ridley Scott: gli accessori sono stati progettati da Gianluca Martini e prodotti dalla sua Northwall. Non si tratta di caschi strettamente dedicati ai motociclisti, ma di “elmet” (questo il nome del prodotto) made in Italy appositamente studiati e disegnati per settori assai differenti. Appassionato di sport estremi e anche fantascienza, Gianluca Martini ha fondato a Langhirano, insieme ad un amico esperto di biomeccanica e alla moglie disegnatrice (autrice tra gli altri proprio dei caschi indossati dai piloti nel trailer del nuovo Alien), la Northwall che, in breve tempo, ha venduto in tutto il mondo caschi destinati soprattutto a piloti di elicotteri, vigili del fuoco, polizia e corpi speciali antiterrorismo.

caschi

Volontario del soccorso alpino, Martini ha avuto modo di osservare i caschi utilizzati dai piloti: “Mi dicevo – racconta al Corriere – ma come fanno a muoversi con quei caschi ingombranti e pesanti!”. E così ha lanciato un nuovo modello: “Volume e peso sono stati ridotti del venticinque per cento, aumentando però la protezione del quaranta”. La strada era quella giusta, tanto che nel corso degli anni, le commesse sono arrivate un po’ da tutto il mondo: dalla Germania per la polizia federale e il GSG9 (corpi speciali dell’antiterrorismo), dalla Corea del Sud per i vigili del fuoco, dal Giappone per la polizia. “I giapponesi – scherza Gianluca – sono stati un osso duro. Che fatica. Prima di ordinarli li hanno provati e testati due anni”. Il 90% degli introiti, spiega Martini, arriva proprio dall’estero: non che in Italia non vengano apprezzati, ma “i tedeschi, per fare un esempio, pagano il cinquanta per cento all’ordinazione il resto alla consegna. Da noi? Se va bene passano otto mesi”.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email