mustang

La rivoluzione dell’ibrido coinvolge anche Ford Mustang: tredici modelli elettrificati in cinque anni

Il mondo dell’automobile sta cambiando pelle: negli ultimi anni le Case produttrici stanno rivolgendo le loro attenzioni ai motori ibridi e a quelli elettrici. Non si tratta solo di una scelta che va nell’ottica del rispetto dell’ambiente quanto dell’esigenza di riprodurre una maggiore efficienza dal motore termico: un bisogno che nasce dagli odierni problemi di acquisizione energetica i quali rendono decisamente appetibile e conveniente l’automobile ibrida. Dunque le maggiori aziende di auto hanno dedicato ampi padiglioni alle auto ibride, presentando modelli eleganti e decisamente potenti. Si sta convertendo all’ibrido anche Ford Mustang, il simbolo delle pony car americane più sportive e “rombanti”. La Mustang Hybrid non sarà però l’unica nuova auto elettrificata di Ford, visto che alla Mustang con batterie si affiancheranno l’F-150 Hybrid, il Transit Custom Plug-in Hybrid e un Suv compatto totalmente elettrico da 480 km di autonomia e due modelli ad alte prestazioni per le forze di polizia. In totale l’elettrificazione della gamma Ford riguarderà ben tredici modelli nei prossimi cinque anni.

mustang2

Secondo il Ceo Mark Fields questa scelta risponde a”una richiesta che entro 15 anni supererà nelle vendite globali quella per le auto con motore esclusivamente a benzina”. Per avviare l’ambizioso progetto elettrico Ford ha rinunciato ad investire 1,6 miliardi di dollari nello stabilimento messicano di San Luis Potosi, preferendo impegnare 700 milioni di dollari nell’impianto di Flat Rock, Michigan, dove saranno prodotti i veicoli elettrificati e creati 700 nuovi posti di lavoro. All’interno della stessa strategia “electrification” di Ford che prevede un investimento di 4,5 miliardi di dollari entro il 2020 ci sono poi altri progetti per trasformare l’azienda dell’Ovale Blu da tradizionale costruttore di auto a provider di servizi di mobilità che includono la guida autonoma e i sistemi di connettività a bordo.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email