easternspirit

La Suzuki GS550 “rivista” da Eastern Spirit Garage: cafè racer dal sangue polacco

Sono già alla terza cafè racer i ragazzi (Lukas e Sylwester) di Eastern Spirit Garage. Nonostante vengano dalla Polonia, terra in cui la cultura delle moto special è poco radicata, non sono nuovi a questo tipo di creazioni. Questa volta hanno modificato una Suzuki GS550 degli anni ’70. Questa moto è una café racer rigorosa che segue in modo classico i dettami delle vecchie protagoniste delle scorribande sulla Norther Circular di Londra: semi manubri decisi, sellino monoposto con codino, upgrade ciclistico e motore in bella vista. Questo serve per fare una cafè racer e questo hanno fatto i due ragazzi polacchi. La base di partenza è un esemplare di GS550 che ha subito il solito check up del motore e guadagnato un particolarissimo elemento alettato per l’aspirazione, oltre a un sinuoso scarico 4 in 1 che termina lateralmente. La ciclistica è stata ringiovanita con una bella forcella rovesciata all’avantreno, che presenta anche un nuovo impianto frenante con pinza Brembo a 4 pistoncini e, al posteriore, una coppia di ammortizzatori aftermarket.

easternspirit2

Le forme sono create attorno al serbatoio rimodellato che si sposa con la sella singola, mentre per alleggerire la parte posteriore sono spariti i fianchetti. La luce posteriore e il supporto targa sono laterali, mentre per l’elemento illuminante anteriore è stato scelto un vecchio faro di una moto polacca, una WSK, una costante nelle moto preparate dai due ragazzi est europei, in cui è stato inserito la strumentazione con contachilometri e tachimetro Daytona. Particolare il colore, un marrone/bronzo con un sottile strato d’oro, che non è solito essere utilizzato su questo tipo di motociclette, ma che invece fa la sua bella figura. Tanti i dettagli minimalisti, vedi i badge Eastern Spirit ai lati del serbatoio o il tappo della benzina con il medesimo logo.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email