Monkeebeast

La Yamaha XSR900 diventa Monkeebeast: l’ultima creatura di Wrenchmonkees

Hanno visto la Yamaha e hanno deciso che poteva essere l’oggetto delle loro trasformazioni. Ci hanno provato un’altra volta i ragazzi danesi di Wrenchmonkees si sono divertiti. In questo caso hanno reinterpretato in chiave fuoristradistica proprio la Yamaha XSR900: una moto che offre un’esperienza di guida esaltante e che si ispira alla storia dei modelli sportivi Yamaha e alle radici del design motociclistico, resi attuali da tecnologie innovative. Il progetto XSR 900, che rende omaggio alle iconiche moto del passato tra le quali la leggendaria TZ750 in livrea giallo-nera guidata da Kenny Roberts negli anni ‘70, porta avanti l’ideologia “Faster Sons” attraverso la collaborazione con un celebre bike maker internazionale, creatore di un’autentica Special da cui Yamaha ha tratto ispirazione.

Monkeebeast2

Insomma una moto di successo della Yamaha che alla fine è diventata la XSR900 Monkeebeast. Qualcuno potrebbe chiedersi perché, ma la Monkeebeast non sarà né la prima né l’ultima special ad ispirarsi al mondo delle ruote tassellate: se non la cosa non vi piace, mettetevi l’animo in pace. Oltre a coperture decisamente specialistiche e cerchi a raggi, questa XSR900 punta ad esplorare nuovi terreni con un parafanghino posteriore alto e corto, sella specifica e manubrio Magura con manopole da cross. Se il serbatoio non è stato toccato – a parte il color verdone delle guance laterali – i preparatori danesi hanno previsto sulla XSR900 Monkeebeast uno scarico SC Project dall’aspetto inquietante e pedane zigrinate, per una miglior presa degli stivali quando il gioco si fa duro. Nessuna novità, invece, dal punto di vista tecnico.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email