gemma

L’Harley Davidson Softail Springer customizzata con un dettaglio particolare

Ogni lavoro di Roberto Rossi ha una sua storia. E si può dire la stessa cosa per l’ultima Harley Davidson che ha personalizzato. Il customizer mantovano in 20 ani di carriera ha sfornato oltre cento moto custom e quasi tutte sono ancora in mano ai proprietari che gliele avevano commissionate. Ma quello che ha fatto sulla Harley è davvero molto interessante. Si chiama Gemma e racchiude dettagli che vogliono farsi scoprire, particolari che arrivano direttamente dal passato, quello che si apprezza e stupisce i veri appassionati. Gemma è una bobber vecchia scuola, su base Harley-Davidson Softail Springer del 2004 che si porta dietro una storia un po’ particolare: “Intanto questa moto è mia, me la sono fatta nel giro di alcuni mesi, tra un lavoro e l’altro – si legge su Moto.it -. Ma era già stata nella mia officina, infatti l’avevo customizzata pesantemente per un cliente tempo addietro, poi lui l’ha passata al figlio. E io me la sono ripresa, dopo aver scambiato con quest’ultimo uno scrambler su base Sportster Ironhead, che avevo fatto sempre io tre anni fa”.

Gemma, nome della moto, fa riferimento al dettaglio di Roberto Rossi: il motivo di quel nome scintilla sui due parafanghi risagomati e accorciati: sei gemme per lato. Sei punti di colore sulla vernice scura del bobber a stelle e strisce. Rossi riprende gli albori dei bobber con il manubrio Flanders TT originale degli anni Cinquanta, a cui sono applicate due manopole in gomma naturale. Ecco collettori fatti su misura che finiscono con due scarichi trumpet a megafono, anche quelli provenienti dai mitici Fifties e la sella racing WR anni Quaranta. Un discorso a parte meritano le ruote, componente essenziale delle bobber: i cerchi lenticolari sono stati parzialmente verniciati e le gomme a spalla alta, vecchia scuola, sembrano esplodere sotto ai parafanghi. C’è anche una borsa Heritage dei primi anni Novanta, la retina sul fanale, unico vezzo modaiolo e il faro posteriore Sparto.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email