bezzi2

L’omaggio a Lawson: la Yamaha FZ750 ridisegnata da Oberdan Bezzi. Ecco la FZ-09 Eddie

Oberdan Bezzi ha voluto omaggiare Eddie Lawson, il pilota quattro volte campione del mondo classe 500, tre titoli conquistati con la Casa di Iwata ed uno con la Honda. E lo ha fatto con una sua interpretazione della Yamaha FZ750, la moto con cui vinse a Daytona nel 1986. Il modello di Bezzi si chiama Yamaha FZ-09 Eddie: l’idea del designer, che potrebbe anche essere presa in considerazione da qualche casa costruttrice, è quello di rivedere in chiave futuristica i modelli e le linee degli anni ’80: “Linee essenziali, elementi della carrozzeria semplici e lineari, superfici abbastanza piatte e codoni squadrati. Elementi che ovviamente aggiornati e rivisti – come scrive OBIBOI – potrebbero dar vita ad un nuovo filone tecno-vintage!”. Non a caso infatti molte delle cafè racer di Oberdan Bezzi che circolano negli ultimi mesi traggono ispirazione proprio da quei modelli. La “Eddie” coniuga appunto la tecnica modernissima della tre cilindri MT/FZ-09 (In Europa di chiama MT-09 mentre nel mercato USA si chiama FZ-09), con sovrastrutture che rimandano immediatamente alla mitica FZ del pilota americano.

bezzi

Curati anche i cerchi a tre razze come erano di moda negli anni 80 e l’assetto di guida non estremo che la potrebbe rendere fruibile anche sulle normali strade quotidiane. La Yamaha FZ 750 (identificata anche col codice interno 1FN) è stata prodotta a partire dal 1985, dopo una presentazione roboante avvenuta al salone di Colonia, nel 1984. Vantava caratteristiche tecniche molto interessanti per l’epoca: soprattutto è stata la prima moto sportiva al mondo ad essere equipaggiata con un motore in alluminio composto da 4 cilindri in linea con inclinazione a 45°. Il successo della FZ in termini di immagine è totale e nel 1986 porta Eddie Lawson alla vittoria della 200 Miglia di Daytona e nello stesso anno tre italiani (Norberto Naummi, Maurizio Foppiani e Roberto Ghillani) conducono l’FZ a conquistare il record mondiale endurance, percorrendo senza soste 30370 km in 560 ore, a dimostrazione della grande affidabilità di questo modello.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email