mazdacx4

Mazda esplora il mondo dei “Suv-coupé” con la nuova CX-4

Mazda vuole diventare costruttore premium: vuole, cioè, elevare la percezione del marchio e scrollarsi di dosso l’etichetta di “generalista” (come Toyota o Volkswagen) e posizionarsi perlomeno a ridosso delle patinate Lexus o Audi, per fare qualche esempio. La casa nipponica ha iniziato questo lungo percorso già nel 2008 quando c’è stato il divorzio da Ford che deteneva il controllo del marchio. Il primo passo è stato studio delle tecnologie Skyactiv, pensate per contenere i pesi e rendere più efficienti i motori, e proseguito con un completo rinnovamento della gamma. Attualmente la stessa Mazda annovera gli “strategici” Suv CX-3, CX-5 e CX-9, quest’ultimo non importato in Italia ma fondamentale per le vendite negli Stati Uniti. E al Salone di Pechino il marchio giapponese ha fatto un ulteriore salto in avanti: ha, infatti, tolto i veli alla CX-4, primo “Suv-coupé” made in Mazda. Questo concetto di auto è stato già ampiamente sperimentato dalla BMW con le X6 e X4 e dalla Mercedes con le versioni Coupé di GLE e GLC: sono auto che piacciono parecchio in tutto il mondo.

Almeno per la prima fase della commercializzazione, la CX-4 sarà proposta solo sui mercati asiatici, nonostante la ricetta estetico-tecnica sia già stata abbondantemente collaudata anche in Europa: la base costruttiva è quella della CX-5 di cui la CX-4 riprende lunghezza e passo (circa 4,55 per 2,7 metri). A variare sensibilmente invece è l’altezza da terra, pari a 1,53 metri: 14 centimetri in meno rispetto al modello di derivazione, gli stessi che garantiranno alla CX-4 un comportamento stradale molto simile a quello di una berlina. Anche il lato tecnologico è abbastanza simile alla CX-5 con l’Head-Up display, il Cruise Control con radar e frenata di emergenza automatica. Sono stati anche trapiantati i motori 4 cilindri benzina da 2 e 2.5 litri della famiglia Sky-G, abbinati alla trazione integrale (il cambio automatico è in opzione). In caso di commercializzazione nel Vecchio Continente la vettura sarà proposta anche con le più richieste motorizzazioni turbodiesel.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email