miniplugin

Mini, adesso è anche elettrica: arriva la Countryman ibrida plug-in

La prima Mini ibrida plug-in è la Mini Countryman: il suo arrivo è stato annunciato direttamente dalla Casa di Monaco di Baviera, contemporaneamente alla diffusione delle prime immagini dell’auto camuffata con pellicola optical. Nel corso del 2017, infatti, è previsto l’arrivo della seconda generazione della Countryman, un modello che è nato nel 2010 e che verrà aggiornato totalmente con l’utilizzo della nuova piattaforma modulare della Casa tedesca. La natura di questa vettura è tutta da ricercare in Bmw, visto che il suo powertrain è esattamente lo stesso della 225xe Active Tourer. Proprio per questo è lecito attendersi una crescita delle misure dell’auto, visto che tra la Countryman attuale e la Serie 2 ballano circa 25 centimetri.

miniplugin2

Pertanto la nuova Mini Suv dovrebbe crescere nelle dimensioni oltre che, come ampiamente prevedibile, nei contenuti. Quanto al powertrain, difficilmente ci saranno sorprese rispetto a quello della Bmw, che prevede tre modalità di guida – Auto eDrive, Max eDrive e Save Battery – più una quarta “nascosta” all’interno dell’utilizzo della modalità sport del cambio, che include anche la ricarica della batteria. A tutto questo si aggiunge la trazione integrale, che è del tipo senza collegamento meccanico tra i due assali, visto che il motore elettrico si trova dietro. La ricetta di Bmw, infatti, è quella di spostare le batterie e il propulsore elettrico al posteriore, anche per bilanciare i pesi e salvaguardare il piacere di guida. Per quanto riguarda i numeri, infine, è ancora presto ma basta considerare che la Serie 2 sviluppa 224 CV complessivi (il motore termico è il 1.5 3 cilindri turbo), può percorrere 40 km in modalità solo elettrica e raggiungere i 125 km/h senza usare benzina.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email