corsaro

Moto Morini, la nuova Corsaro 1200 ZZ: l’ultima versione della maxi naked bicilindrica

Tra le novità che Moto Morini presenta a EICMA c’è la nuova Corsaro 1200 ZZ, che riprende il nome dello storico Corsarino ZZ, il più sportivo della gamma dei ciclomtori Moto Morini anni ’60: il modello è stato adeguato alla normativa Euro 4 e mantiene il carattere del Bialbero 1200 Corsacorta che l’ha sempre contraddistinta sin dal suo primo debutto, nel 2005. Il tutto con uno stile attuale disegnato da Rodolfo Frascoli, che già aveva creato la prima Corsaro. A partire dal nuovo faro anteriore che evidenzia il salto generazionale, pur conservando lo “sguardo” di sempre. Nuova anche la strumentazione racing, digitale e completamente personalizzabile. La nuova Corsaro 1200ZZ è una moto made in Italy: la Casa, infatti, dichiara che il 99% delle sue componenti arriva da aziende italiane. Una scelta voluta da Moto Morini per offrire la massima qualità possibile in ogni parte, qualità garantita anche dall’assemblaggio artigianale, che avviene all’interno del nuovo stabilimento di Trivolzio, fra Milano e Pavia. Prima ed importante novità riguarda il sistema ABS di serie: la nuova Corsaro 1200 ZZ monta la versione 9.1 MP a due vie realizzata da Bosch ed ottimizzata per le caratteristiche della maxi naked. Peraltro, l’impianto si può disinserire tramite un pulsante sul manubrio. Arriva anche il cambio elettronico. Inoltre, la nuova gestione del motore ha portato il bicilindrico 1200 all’interno delle regole previste dalla normativa Euro 4, ma ha anche regalato una maggiore fluidità ed una riduzione dei consumi di carburante. Completa il tutto la frizione antisaltellamento.

corsaro2

La ciclistica della nuova Moto Morini Corsaro 1200 ZZ si basa sul telaio a traliccio in acciaio già noto, ma con quote ciclistiche ottimizzate, in accordo con la nuova componentistica. All’avantreno c’è una forcella Mupo con piedini ricavati dal pieno e regolabile in compressione, estensione e precarico, che consente ben 135 mm di corsa. Gli steli della forcella sono dotati di rivestimento DLC opzionale (Diamond like carbon), un trattamento a base di carbonio che aumenta la scorrevolezza, oltre a regalare il colore nero. Progettato su specifiche Moto Morini anche il monoammortizzatore, totalmente regolabile (compressione, estensione, lunghezza, precarico con controllo idraulico remoto). L’impianto frenante può contare all’anteriore su pinze radiali monoblocco a quattro pistoncini, doppio disco flottante da 320 mm ed una pompa semi-radiale 16/19, tutto firmato Brembo; al posteriore, pinza a due pistoncini con disco da 220 mm dal disegno specifico. I cerchi da 17” in lega di alluminio forgiato sono gommati con pneumatici Pirelli Diablo Rosso III a doppia mescola.

corsaro3

La dotazione di serie della nuova Corsaro 1200 ZZ comprende anche una presa a 12V per alimentare un navigatore GPS e gli indicatori di direzione in alluminio ricavati dal pieno. Nuova la strumentazione digitale dell’italiana AIM, con un display TFT da 5” configurabile dal pilota, che può scegliere fra diverse visualizzazioni; presente in ogni schermata l’avviso di cambiata. L’impianto di illuminazione è ora completamente a Led, dal nuovo faro anteriore a doppio proiettore con la doppia funzione abbagliante/anabbagliante, al faro posteriore, dalla luce targa, agli indicatori di direzione. Infine, per contenere il peso e accentuare il carattere sportivo, diverse parti della carrozzeria vengono realizzate di serie in fibra di carbonio: cupolino, parafango anteriore e sottosella.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email