sportive

Moto sportive, la stagione dei cambiamenti: in arrivo modelli più “popolari”

Si sta aprendo un nuovo orizzonte per le moto sportive: nei prossimi due anni, infatti, perché oltre alle costosissime race replica arriveranno modelli più “popolari”, alla portata di un pubblico più vasto. Non significa che stanno ritornando le “medie” ma che ci sono fette di pubblico che sognano di guidare qualcosa che somigli alle moto dei piloti.  In Asia stanno aumentando, ad esempio, le 125 e l 250: moto che sono state importate anche in Europa ma che non hanno ancora riscosso molto successo, sia per le prestazioni modeste, sia per le finiture non certo eccezionali. Tuttavia i mercati asiatici stanno crescendo e i clienti si fanno sempre più esigenti e le nuove generazioni delle sportive di 250 cm3 iniziano a essere interessanti anche per i nostri mercati: la Honda CBR250RR rappresenta questa evoluzione e in Europa arriverà nel 12018 dopo il debutto asiatico del 2017.

sportive2

Le piccole sportive si stanno evolvendo mentre per le grandi supersportive le Case stanno ricavando prodotti più semplici, meno costosi e adatti a un pubblico più ampio. Oggi esistono naked e crossover con prestazioni da sportiva di razza che hanno una peculiare caratteristica, la versatilità. E i produttori stanno pensando di accontentare il pubblico che appare interessato a questo segmento di mercato. In Ducati stanno lavorando alla nuova supersport, che dovrebbe essere una riedizione in chiave moderna della vecchia versione. Negli Anni ‘90 il migliore motore Ducati era il bicilindrico raffreddato a liquido della 916 mentre sulle Supersport venivano montati i propulsori raffreddati ad aria. Oggi il motore più evoluto è il Superquadro e sulla nuova Supersport dovrebbe esserci il Testastretta (probabilmente il 939), ovvero quel motore nato supersportivo che, dopo numerose evoluzioni tecniche, è diventato il cavallo di battaglia di Borgo Panigale in numerose categorie. E anche la Honda pensa che ci siano molti appassionati delle moto sportive che oggi hanno rinunciato ai semimanubri perché non si possono più permettere di spendere cifre folli per acquistare moto fantastiche ma poco fruibili. Per questo, dovrebbero arrivare due versioni della nuova Fireblade; una estrema e una più adatta all’uso stradale.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email