yamaham1

MotoGP, la carica di Valentino Rossi e Maverick Viñales: “Ecco la nuova M1 2017”

Nella sede di Movistar a Madrid Valentino Rossi e Maverick Viñales hanno svelato la nuova Yamaha M1 che correrà il prossimo mondiale di MotoGP. I due piloti per la prima volta in veste ufficiale sono stati l’uno di fianco all’altro e hanno parlato della stagione 2017, che li vedrà rivali e compagni di squadra. L’obiettivo è uno solo: tornare a vincere il Mondiale che lo scorso anno si è aggiudicato Marc Marquez con largo anticipo: “Abbiamo tante aspettative – spiega il team principal Lin Jarvis – perché conosciamo il livello dei nostri piloti: sono i migliori del mondo. Sarà una lotta dura: la Honda è fortissima, ma anche la Ducati ha dimostrato che sarà della partita i nei test pre-campionato”. La M1 apparsa sul palco sembrerebbe piuttosto simile al precedente esemplare, anche se sembra spiccare una colorazione leggermente più scura e, soprattutto, non sarebbe più colorata di bianco la parte bassa della carena (ma in tinta).

yamaham12

“Ci aspetta una stagione impegnativa, come ogni anno d’altronde – ha detto Valentino Rossi -. Non pensavo che Maverick fosse subito così veloce con la Yamaha (ride, ndr), quindi dovrò impegnarmi per fare meglio di lui. Il lavoro da fare sulla moto è sempre lo stesso. Si lavora sull’elettronica e sulle gomme. Soprattutto su quella anteriore che ci ha dato qualche problema durante la stagione 2016. Abbiamo già potuto assaggiare il potenziale della M1 in Malesia, la moto è molto potente. Bisognerà lavorare sui dettagli. Sarà importante essere competitivi ogni domenica. Vedremo il valore dei nostri avversari. E poi potremmo capire che obiettivi possiamo porci”, ha detto Valentino Rossi durante l’evento”. Lo ha seguito a ruota, il suo nuovo compagno Maverick Viñales: “La moto mi ha dato un’ottima impressione, ho grandi stimoli, cercherò di fare del mio meglio. Il livello del mondiale si alza sempre un po’ ogni anno, io proverò a lottare per il titolo, ma sarà difficilissimo. Dovrò sfruttare il potenziale della M1, quando vieni dalla Moto2 devi capire bene come funziona l’elettronica della MotoGP”.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email