blackout2

MV Agusta, la special Blackout: una techno-cafè racer che guarda al mondo delle competizioni

Dalla collaborazione tra MV Agusta e Valter Moto Components (partner ufficiale del team MV Agusta Reparto Corse) arriva una special su base Dragster. Si tratta della Blackout e la sua creazione ha visto il contributo di Tecnoart Sersan, sempre partner di MV su diverse special e artefice della grafica e della verniciatura. La special prende forma da una una Brutale Dragster trasfigurata da Valter Esposito, fondatore dell’omonima azienda e ideatore del concept, in una “techno-café racer” che strizza l’occhio al mondo delle competizioni e a quello dell’auto tuning. Il riferimento alle classic è sapientemente armonizzato dai nuovi semi-manubri racing e viene esaltato da un gioco di luci full led sull’anteriore attivabile con degli interruttori laterali che costituiscono un nuovo elemento di design. La Blackout monta special parts firmate Valter Moto Components come le pedane, le leve, le vaschette dell’olio, il tappo del serbatoio, il portatarga e le frecce. Sono state aggiunte una nuova mascherina in alluminio integrata con il dashboard ribassato e uno schermo HD da 4,3 pollici per la visione posteriore, affidata a una telecamera waterproof ad ampio raggio integrata con le frecce sotto il codino.

blackout3

Molti i dettagli artigianali: il logo MV è stato fresato a mano sui carter. La grafica rafforza il concept di “moto-interruttore” con una texture dark dal gusto steampunk sul serbatoio e un naming, “Blackout”, che chiude il cerchio sull’identità del progetto. Lo scarico è firmato SC-Project: si tratta dell’S1, lo stesso che monta la F4 di Leon Camier, pilota ufficiale del Reparto Corse, nel campionato SBK. Dopo l’anteprima a Eicma 2016, MV Agusta Blackout farà bella mostra di sé e di tutta la sua potenza al Motor Bike Expo: MV Agusta è riconosciuta in tutto il mondo come un’azienda produttrice di opere d’arte su due ruote – ha dichiarato Giovanni Castiglioni, Ceo di MV Agusta -. Mi fa molto piacere vedere che il marchio abbia così tanto appeal da divenire l’oggetto del desiderio di grandissimi personalità nel mondo custom così come abbiamo visto nel 2016 con Walt Siegl, Zagato, Deus Ex Machina, Officine GP Design e tanti altri. Trovo bellissima la Dragster ideata dal mio amico Valter; una di quelle moto che mi fanno venire molte idee…”. Insomma pare che Castiglioni sia rimasto realmente impressionato dalla riuscita di questa special che potrebbe fare della MV Agusta Dragster Blackout una moto a serie limitata.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email