mvf4rc

MV Agusta svela la F4 RC MY 2017: tutti i dettagli della nuova Limited Edition

MV Agusta celebra la stagione in SBK di Leon Camier con una nuova versione della F4: la moto è riconoscibile per la grafica su base bianca e rossa, la stessa della versione ufficiale, compresi i loghi degli sponsor. Il “37” sulle tabelle porta numero ricorda i titoli mondiali costruttori conquistati da MV Agusta nella sua storia nelle corse. Ciascuno dei 250 esemplari che costituiscono la produzione totale della nuova F4 RC è consegnato insieme al kit. Sulla moto sono evidenti i dettagli da corsa: la cassa in legno dall’aspetto quanto mai classico contiene componenti di altissima qualità, progettati e costruiti per l’impiego racing della F4 RC.

dvsgbdf

Il singolo silenziatore di scarico SC-Project in titanio costituisce uno dei principali complementi della centralina racing, che fa parte anch’essa della dotazione. Il codino monoposto alleggerisce la moto e ne sottolinea sul piano estetico la vocazione racing. Il tappo benzina in ergal e i componenti da montare negli alloggiamenti degli specchi retrovisori, opportunamente rimossi per l’uso in pista, hanno valenza funzionale. Degne di nota anche le paratie sotto codino, realizzate in fibra di carbonio che proteggono la carenatura dal calore.

mvf4rc2

Le prestazioni di questa moto sono anche nei numeri: 151 kW, pari a 205 CV di potenza massima in configurazione stradale. Un dato che fa della RC la Superbike Replica più potente tra quelle in produzione di serie. Con 212 CV (158 kW) all’albero a 13600 giri, la F4 RC in configurazione pista segna la massima evoluzione del 4 cilindri in linea MV Agusta denominato Corsa Corta (79×50,9 mm), unico anche per scelte tecniche come la catena di distribuzione centrale e le valvole radiali. Anche l’elettronica è curata in ogni dettaglio: la tecnologia MVICS 2.0(Motor & Vehicle Integrated Control System) permette di intervenire su molti parametri, tra cui sensibilità del comando gas, coppia massima, freno motore, risposta del motore e limitatore di giri. La piattaforma inerziale con sensore d’assetto si avvale di tre giroscopi e altrettanti accelerometri per determinare il preciso funzionamento del controllo di trazione su 8 livelli, disinseribile. Il cambio elettronico EAS 2.0 (Electronically Assisted Shift) fa parte della dotazione di serie.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email