cupra2

Non bastano 300 cv: Seat pensa a una versione estrema della Leon Cupra

Seat pensa a una versione estrema della Leon Cupra. Il modello attuale raggiunge i 300 cavalli ma le parole di Matthias Rabe (vice presidente della divisione Ricerca & Sviluppo) rilasciate al magazine Auto Express sono evocative in questo senso: Nello specifico Rabe fa riferimento a “qualcosa di interessante” nei prossimi sette/otto mesi, anticipando che ci potrebbe essere una versione ancora più potente della Leon Cupra. Rabe ha parlato di un’edizione a tiratura limitata, caratterizzata dalle immancabili modifiche per renderla più sportiva tra cui un nuovo setup per le sospensioni. La prova di un modello con con sospensioni più rigide ha dato buoni risultati ma, in strada, il prototipo ha mostrato una rigidità eccessiva, costringendo quindi il produttore a lavorare in una finestra limitata per trovare il giusto compromesso. L’obiettivo di Seat per la Cupra, infatti, è quello di un’auto divertente ma in grado di poter essere guidata tutti i giorni. Tra le altre dichiarazioni, Rabe ha confermato le ottime prestazioni per Ateca Cupra che arriverà nei primi mesi del 2018 e sembrerebbe escludere una ipotetica Cupra per Ibiza, progetto non prioritario perché “una Ibiza da 200 cavalli costerebbe come la Leon con la stessa potenza”.

cupra

L’attuale versione della Seat Leon Cupra guadagna 10 cv (arriva così a 300 al posto dei 290 della precedente generazione) e soprattutto arriva a disporre della trazione integrale sulla ST, ossia la station wagon. Maggiore anche la coppia che sale a 380 Nm dai 350 di prima, disponibile da 1.800 giri e fino a 5.500 giri per una potenzialità di utilizzo davvero interessante. La Leon Cupra MY 2017 si distingue da sempre per le sue prestazioni e un design che non passa inosservato, nonché per i suoi equipaggiamenti estremamente ricchi e curati e, non da ultimo, per l’ottimo rapporto qualità prezzo. Tutto questo, è stato portato ora al livello successivo, nonostante la Cupra fosse già un modello di successo.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email