Porsche 718 Boxster

Nuova Porsche 718 Boxster e 911 R. Chi quattro, chi manuale

Porsche 718 Boxster e 718 Boxster S
Fosse stato per i cultori della Casa tedesca, le vere Porsche si dovrebbero fermare (forse) alla 911 nota con la sigla 993. Ma la tecnologia non può sempre stare a sentire le ragioni degli appassionati e si deve adeguare ai tempi che corrono, con la consapevolezza che in fondo si tratti sempre di una Porsche. Ecco perché la notizia che la nuova 718 Boxster porti in dote due nuovi quattro cilindri turbo, non dovrebbe turbare più di tanto. Il primo ha una cilindrata di 1.988 cc, il secondo di 2.497 cc (718 Boxster S). Stessa corsa, ma alesaggio differente, e ovviamente architettura boxer. Il primo è sovralimentato mediante una turbina a geometria fissa, il secondo da una a geometria variabile. Il primo sviluppa 300 CV e 380 Nm di coppia motrice, il secondo 350 CV e 420 Nm. La fasatura delle valvole variabile (lato aspirazione e scarico) è una costante su ambedue i motori. Le nuove 718 Boxster e Boxster S sono equipaggiate di serie con un cambio manuale a sei marce, ma è disponibile anche il doppia frizione PDK a sette rapporti. La nuova 718 ha mutuato alcuni componenti dalla maggiore 911 e dalla Cayman GT4. Le novità a livello di design, anticipano quelle di bordo. Sul volante “spunta” il “manettino” che regola le diverse modalità di guida e l’infotainment si affida al nuovo Porsche Communication Management (PCM) di 911.

Porsche 911 R

Porsche 911 R
Per fortuna che c’è ancora qualcuno che non considera anacronistico premere il pedale della frizione per cambiare di marcia. Non si discute la comodità e l’efficienza degli automatici attuali, ma la “connessione” che si realizza con un manuale è unica e ti da il pieno controllo del mezzo. Così, in Casa Porsche, hanno deciso di soddisfare quello zoccolo duro che non rinuncia a doppietta e punta tacco (anche se in questo caso non sono più necessari) e hanno realizzato la nuova 911 R. Base di partenza la più performante 911 GT3, a cui è stata “imposta” un’ulteriore dieta dimagrante di circa 50 kg (1.370 totali). Operazione che ha previsto l’adozione di cofano anteriore e passaruota in carbonio, tetto in magnesio e lunotto e cristalli posteriori in materiale sintetico. Il resto si conforma nell’attuale configurazione di GT3: 4 litri sei cilindri boxer da 500 cavalli e 460 Nm di coppia motrice. Unità a cui è accoppiato appunto un cambio manuale a sei rapporti. Lo 0-100 km/h in 3,8 secondi e una velocità massima di 323 km/h, sono più che sufficienti per sognare.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email