kawa2

Schlachtwerk e la sua passione per le Kawasaki: l’ultimo lavoro è una serie W854

Thomas “Tom” Thoring è un customizer che si diverte a modificare moto da gare uno contro uno. Il suo marchio è Schlachtwerk e la sua più grande passione riguarda le Kawasaki serie W, siano esse 650 o 800. L’ultima uscita dal suo garage è un inno al racing vecchia scuola in cui la prima forma di aumento di prestazioni era la diminuzione di peso. Ovviamente la cosa non si limita a una semplice cura dimagrante, ma anche il cuore bicilindrico con la meravigliosa distribuzione a coppie coniche è stato pompato a dovere. La moto non è una W650, è bensì una W854 visto che i cilindri sono stati rialesati fino a raggiungere la cilindrata, appunto, di 854 cc. Mettiamoci poi un filtro aperto K&N, un nuovo albero a camme da corsa e lo scarico 2 in 1 fatto in casa e 70 cavalli alla ruota sulla piccoletta sono serviti. Scende il peso della Kawasaki fino a 162 Kg.

kawa

Il lavoro poi è proseguito sulle superfici: via il serbatoio originale, sostituito da uno risagomato proveniente da una Yamaha SR500 e via i pannelli laterali con un bel paio di elementi costruiti in officina. Sempre di Schlachtwerk sono anche i due parafanghi che si accoppiano ai due cerchi inediti da 18 pollici che calzano un paio di grassottelli Avon Roadrider. Il gruppo sospensioni consiste in due ammortizzatori posteriori YSS vincolati a un nuovo forcellone in alluminio trapiantato e modificato da un’altra Kawa classica, la Zephyr 550. All’avantreno una forcella con steli da 43 mm e tripla piastra ex Suzuki GSF1200 Bandit ha avvicendato quella stock. Sebbene il peso sia diminuito, Tom non ha voluto lesinare sugli spazi di arresto, installando nuovi componenti per l’impianto frenante. Ecco un discone da 310 mm e pinza a 4 pistoncini sulla ruota anteriore e un secondo disco da 220 mm al posto del tamburo posteriore. Chiudono il cerchio i dettagli e le manovre salva peso: nuova batteria ultraleggera, abbandono dell’avviamento elettrico e persino un alternatore dal peso piuma, tutto a controbilanciare il nuovo radiatore dell’olio, fondamentale viste le alte prestazioni di questa motocicletta.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email