suzuki

Suzuki, entrano nel listino V-Strom 650 e GSX-S750: due versioni per l’enduro stradale e la naked

Suzuki inserisce nel listino le nuove V-Strom 650 e GSX-S750. Si tratta dell’enduro stradale e della naked sportiva che la Casa di Hamamatsu ha mostrato al pubblico dei Saloni autunnali. Entrambe sono offerte in due varianti. La Suzuki V-Strom 650 ABS adotta due dispositivi che si rivelano molto comodi nell’uso quotidiano. Il Suzuki Easy Start System avvia la moto senza che sia necessario insistere sul pulsante di start: basta una breve pressione e il motorino di avviamento rimane in funzione fino a che il motore (71 CV) non gira regolarmente. Il Low RPM Assist impedisce al motore di scendere troppo di giri quando si rilascia la frizione in partenza o ci si muove ad andatura lenta, evitando spegnimenti e sussulti. V-Strom 650 è proposta in due versioni: base, con cerchi in lega da 17 e 19” e XT, con ruote a raggi (dello stesso diametro), paramani e paracoppa di serie, per un look più avventuroso. Entrambe le V-Strom sono disponibili in bianco, nero e nel classico giallo delle Suzuki da off-road. La V-Strom 650 ABS ha un prezzo di 8.390 euro, mentre la V-Strom 650XT ABS costa 8.990 euro. Le prime consegne sono previste per marzo.

suzuki2

Per quanto riguarda la GSX-S750, il motore deriva da quello della GSX-R750 del 2005. Questo quattro cilindri Euro 4 eroga 114 CV e 81 Nm, percorrendo 20,4 km/l nel ciclo WMTC. Grazie alle sue dimensioni ridotte gli ingegneri hanno potuto disegnargli attorno un telaio compatto per conciliare precisione e agilità. La forcella KYB con foderi anodizzati color oro, le pinze freno Nissin ad attacco radiale, i dischi flottanti a margherita da 310 mm e il traction control a tre modalità completano l’allestimento. Il debutto in concessionaria di questa naked è previsto per marzo in tre colorazioni. Il prezzo di listino è fissato a 8.890 euro per gli esemplari Rosso Perlato e per quelli in livrea bicolore blu/nero, mentre sale a 8.990 euro per la suggestiva veste Nera Opaca.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email