teslamodel3

Tesla, è boom di ordini per la Model : 276mila in 3 giorni

Un autentico bagno di folla. Tutti pazzi per la Tesla Model 3. Lo scorso giovedì è stata presentata la berlina elettrica come alternativa meno costosa ai modelli X e S. Il fondatore Elon Musk ha fornito con un post su Twitter i numeri impressionanti delle commesse: 276mila unità, nonostante il prodotto non sarà disponibile prima del 2017. “Dovremo decisamente ripensare la nostra pianificazione produttiva”, ha commentato il manager. La Model 3 (che avrà un prezzo base di 35 mila dollari, esattamente la metà della Model X e della Model S) nelle prime 24 ore dalla presentazione aveva raccolto 120mila ordini. Cifre che fanno impressione se si rapportano con l’obiettivo di produzione di Tesla al 2020, fissato a 500 mila vetture (nel 2015, invece, ne sono state fabbricate appena 50 mila). La scommessa di Musk è allargare il più possibile un mercato, quello della mobilità elettrica. Si tratta di un mercato ancora di nicchia ma con questi numeri, raggiungere quelle economie di scala che consentiranno un ulteriore abbassamento di costi e prezzo di listino sarà una faccenda meno in salita del previsto.

A piena carica la vettura avrà 345 chilometri di autonomia e sarà compatibile sia con il nuovo sistema di carica rapida che con il pilota automatico ‘Autopilot’ brevettato dalla stessa Tesla per quanto, secondo Musk, “sarà una macchina meravigliosa anche senza optional”. Anche gli attenti osservatori sono rimasti spiazzati dall’impatto che la Model 3 ha avuto sul pubblico. Qualcuno ha anche fatto il paragone con le file che si registrano agli Apple Store quando esce un nuovo prodotto. Come ha riferito Jessica Caldwell del sito specializzato Edmunds.com “Questa deve essere stata la prima volta nella storia dell’industria automobilistica in cui si sono viste file di persone in attesa di effettuare un ordine per un auto che non sarà disponibile per oltre un anno. È il genere di scalpore al quale si assiste per i film di Guerre Stellari o per i nuovi iPhone”.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email