kruzco

Triumph, la Trophy 1200 diventa “La Thierry”: l’ultima idea di Kruz Company

L’ultima special di Kruz Company, customizzatore belga con sede a Bruxelles, è stata creata su base Triumph Trophy 1200. Si tratta di un modello molto particolare che gli appassionati delle “inglesone” conoscono molto bene: infatti fu la prima moto prodotta dalla “nuova” Triumph, dopo che il marchio britannico rinacque dalle sue ceneri a seguito del fallimento del 1983. Nel 1988 il brand inglese venne acquistato dal miliardario John Bloor che spostò la sede da Meriden a Hinckley, trasformando la Triumph nella Casa che conosciamo oggi: nel 1990 venne presentata proprio la Trophy, che con il suo quattro cilindri in linea era la prima moto Triumph dotata di questo frazionamento. Il propulsore, alimentato da quattro carburatori Mikuni da 36 mm, era un 1179 cc capace di erogare ben 125 cv, che potevano spingere questa veloce sport-tourer fino a 245 km/h. Successivamente l’erogazione fu addolcita e scese a 108 cv, ma per il mercato australiano esisteva una versione che ne faceva segnare addirittura 143.

kruzco2

La moto dei ragazzi di Kruz Co nel look si ispira ai modelli degli anni ’70: esteticamente, questa – che è stata battezzata “La Thierry” dai suoi creatori – ricorda le moto giapponesi di quel periodo: in particolare le mitiche Kawasaki Z900: anche nella livrea le citazioni alla leggendaria maxi-moto di Akashi non mancano. Per quanto riguarda gli altri dettagli tecnici, il telaio è stato modificato nella parte posteriore, e i travi discendenti che sostengono la sella sono fissati con uniball: la particolarità di questa soluzione è che permette di regolare la posizione di guida e caricandola sull’avantreno a proprio piacimento.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email