speedtwin

Triumph pronta a sfornare una Cafè racer: nuovo modello per la Speed Twin

La Triumph Speed Twin è un modello tra i più iconici del motociclismo. Fu presentata per la prima volta nel 1937 ed era una bicilindrica parallela da mezzo litro di cilindrata dimensioni contenute, un prezzo competitivo e prestazioni notevoli per l’epoca fecero la sua fortuna, contribuendo a rendere il “parallel-twin” lo schema motoristico britannico per eccellenza. Ora, a 80 anni di distanza, la Speed Twin potrebbe rivivere in un modello inedito. Il portale britannico Bennets ha pubblicato delle foto in cui si vedono i collaudatori in sella a dei muletti non troppo lontani da quella che potrebbe essere la versione definitiva di un nuovo modello: una cafè racer dalle linee classiche e sportiveggianti ispirate ai modelli del passato. La moto presenta delle novità interessanti: nonostante le finte alettature che richiamano i motori del passato, il propulsore è raffreddato a liquido, come dimostra la presenza del radiatore. L’attuale Twin raffreddato ad aria avrebbe infatti avuto vita breve con l’arrivo delle nuove norme sulle emissioni inquinanti, pertanto in questo nuovo 1100cc si è optato per una soluzione più al passo con i tempi.

speedtwin2

Dalle foto pubblicate si capisce che sono due modelli differenti che vengono provati: si tratta probabilmente di due versioni della stessa moto, l’una più tranquilla e “basic”, l’altra più sportiva ed equipaggiata con componentistica di alto livello. Quest’ultima è dotata di un reparto sospensivo Ohlins, con forcelle a steli rovesciati all’anteriore e ammortizzatori regolabili al retrotreno. A frenare ci pensano invece le stesse pinze radiali Brembo a quattro pistoncini della Speed Triple R, che vanno a mordere la coppia di dischi anteriori con il surplus dell’ABS. La casa britannica non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali a riguardo, probabilmente qualcosa di più si saprà nei prossimi mesi ma pare che i tecnici di Hincley siano pronti a sfornare una cafè racer con gli artigli.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email