inc

Tutte le (cattive) abitudini che fanno rischiare un incidente. Più una grande sorpresa

È durato oltre un anno lo studio dei ricercatori del Virginia Tech Transportation Institute che hanno osservato i comportamenti al volante di oltre 3.500 volontari. Questo studio è stato pubblicata sulla rivista Pnas e sono state stilate tutte le attività più a rischio di incidenti: sono 15 e c’è anche una sorpresa. Si va da quelle più pericolose, come essere sotto l’effetto di alcol e droghe, o guidare in modo aggressivo o ancora superare i limiti di velocità. Poi si passa ad altri tipi, comunque sbagliati: comporre un numero sul cellulare, leggere , scrivere o essere in preda a forti emozioni. Se si scorre la classifica, ci si accorge che ci sono tante azioni che spesso facciamo quando siamo al volante ma che sono dannose: regolare il climatizzatore o sintonizzare la radio. E, infine, c’è la sorpresa che invece dimezza il rischio di incidenti. Vale la pena analizzare tutti i comportamenti oggetto dello studio del Virginia Tech Transportation Institute.

cattiveabitudini

Innanzitutto guidare sotto l’effetto di alcol o droghe. È il comportamento in assoluto più pericoloso, che altera le funzioni del cervello aumentando di ben 36 volte il rischio di incidente. L’alcol raggiunge il picco nel sangue dopo circa 45 minuti dall’assunzione per svanire dopo sette ore. Guidare dopo l’assunzione di droghe è altrettanto pericoloso con effetti che vanno dalla sopravvalutazione delle proprie capacità alle allucinazioni, dalla riduzione dell’attenzione al colpo di sonno. Poi c’è la guida aggressiva: aumenta di circa 35 volte il rischio di incidente. Al terzo posto c’è il superamento dei limiti di velocità: aumenta di quasi 13 volte il rischio di un sinistro.

young woman applying lipstick in a car

young woman applying lipstick in a car

E ancora: comporre un numero sul cellulare aumenta di  volte il rischio di incidente. Al quinto posto: leggere o scrivere. C’è chi ha l’abitudine di farlo e si distrae diventando un pericolo per se stesso e per gli altri. Al sesto posto: essere in preda a forti emozioni. L’agitazione o scoppiare a piangere aumentare considerevolmente (di 9,8 volte) la possibilità di fare un incidente.

cattiveabitudini3

Scorrendo la classifica si trova la cattiva abitudine di cercare un oggetto in macchina, scrivere un messaggio sul cellulare, essere stanchi quando si guida. Le ultime cinque posizioni sono occupate rispettivamente da: regolare il climatizzatore, parlare al cellulare, sintonizzare la radio, mangiare e bere, truccarsi e ballare sul sedile (abitudine tipica dei giovanissimi). L’ultimo comportamento riguarda la sorpresa: i ricercatori si sono accorti che l’unica attività che sembra ridurre (dimezza) il rischio di incidente è interagire con il proprio bambino seduto sul seggiolino: forse perché, in quel momento, ci si ricorda che sulla strada – come nella vita – non si è da soli.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email