bmws1000xr

Tutte le evoluzioni possibili della Bmw S 1000 XR: il video mozzafiato di Teach McNeil

Bmw ha sempre assicurato che la S 1000 XR, versione all-terrain della superbike S 1000 RR, è una moto in grado di fare tutto: dalla sgroppata sui colli al viaggio delle vacanze, dal turno in pista all’escursione in sterrato. Una promessa importante da parte della Casa di Monaco che su questo punto ci ha voluto mettere la faccia. Tuttavia c’è chi ha voluto provare la versatilità della moto ed effettivamente ha ammesso che Bmw non aveva esagerato. La S 1000 XR sa portare in giro chi la guida con la comodità di uno scooterone e mettersi le dietro le supersportive sui passi di montagna e soprattutto sa proseguire quando l’asfalto finisce. Vedere per credere quello che ha fatto in sella alla S 1000 XR Chris “Teach” McNeil, stunt-rider professionista che si esibisce proprio con le moto bavaresi. Premesso che non tutti sono in grado di effettuare le evoluzioni di McNeil, anche chi ha una certa dimestichezza con una maxi si divertirebbe e anche tanto.

La Bmw S 1000 XR è una moto tuttofare, con un’impronta più sportiveggiante, stradale rispetto al bicilindrico che dalla Germania aveva fatto la storia del touring. Si era aperta l’era del turismo sportivo. Ed in effetti, una volta in sella chiunque rimase letteralmente colpito dalla versatilità di una moto che fa semplicemente tutto benissimo, donando al contempo anche adrenalina. I tecnici bavaresi per il 2017 hanno comunque voluto migliorare e aggiornare un prodotto che già di per sé funziona. È stato pertanto introdotto l’Euro 4 per il motore, lo stesso per roadster e supersportiva, ovviamente con declinazioni differenti – ma non per questo meno potente: pertanto la XR arriva a quota 165 cavalli a 11000 giri/min. Ecco dunque un isolamento vibrazionale del manubrio ottimizzato, con un aumento del carico ammesso di 10 chilogrammi arrivando a 444 chilogrammi di carico possibili. Infine i colori: in aggiunta a quelli già conosciuti arriva la “nobile oceanblau metallizzato opaco”.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email